Casa24

Come creare uno stabilimento balneare smart e di tendenza

pillar

Come creare uno stabilimento balneare smart e di tendenza

Questa settimana parleremo di un progetto di design diverso dal solito. Infatti lo spazio rinnovato grazie all’utilizzo della piattaforma internazionale di progettazione architettonica Pillar è uno splendido stabilimento balneare, situato in una delle più suggestive spiagge della riviera ligure. Si tratta dello stabilimento Calaloca lounge beach restaurant, incastonato in una caletta naturale della Riviera Ligure di Ponente e localizzato all’interno del Parco del Beigua, sito Unesco Global Geo-Park, accessibile direttamente dalla Passeggiata Europa tra Varazze e Cogoleto.

Lo scopo del concorso online lanciato dai proprietari dello stabilimento era quello di rivedere completamente il look della struttura, riprogettando il design sia a livello spiaggia che nelle zone ristorante e lounge bar situate ai piani superiori. In particolare, il progetto prevede una serie di aree d’intervento: la spiaggia, che necessitava di una valorizzazione dal punto di vista illuminazione in particolare la sera; il ristorante, che oggi dispone di una struttura molto semplice ma che deve evolvere, soprattutto per la cena, in un ristorante vero e proprio; ed infine il livello rialzato (altezza passeggiata europa) spazio che andava realizzato ex-novo e dove sarà collocata la zona Bar.

Tra i 21 progetti ricevuti dai committenti spicca il progetto vincitore realizzato dall'architetto Indonesiano Dwi Istiawan. In questo progetto ha giocato un ruolo fondamentale la scelta dei colori da utilizzare sia per la struttura che per gli arredi. L’obbiettivo era infatti quello di integrare il più possibile lo stabilimento con la splendida cornice circostante. Per questo l’architetto ha scelto di proporre una struttura completamente bianca permettendo al contempo di evidenziare il contrasto con l'ambiente roccioso di colore grigio, così da far emergere Cala Loca e di aumentare la sensazione di spazio nelle aree interne del ristorante e della zona bar.

Molto interessante per quanto attiene l'integrazione con l’ambiente naturale circostante anche il progetto realizzato dall’architetto di Livorno Giacomo Orlandi. In questo caso è stata effettuata la scelta opposta, cioè quella di creare un’architettura dai colori e materiali che ben si adattino allo spazio mediterraneo caratterizzato dalla roccia, dai cespugli e dal blu del mare. Per questo i materiali prescelti sono l’acciaio corten, dal colore bruno molto simile alle rocce della scogliera, il legno delle pavimentazioni e delle sedute, materiale naturale che è già parte integrante del luogo, il vetro trasparente, che riesce ad essere talvolta invisibile e talvolta riflettente il colore del mare e del cielo.

Infine molto semplice ed elegante il progetto realizzato dall’architetto Marco Galli che nasce dalla volontà di coniugare la composizione architettonica degli elementi e tutte le funzioni richieste, senza interferenze, in uno spazio ristretto dato dalla struttura della gola di roccia.

© Riproduzione riservata