Casa24

Se l’architettura contemporanea vale una crociera: cosa vedere dal…

viaggi

Se l’architettura contemporanea vale una crociera: cosa vedere dal mare

«Il Mediterraneo è un grande lago salato. Un brodo di culture, da quelle nordiche a quelle orientali, arabe e africane». Così Renzo Piano nei giorni scorsi ha descritto su Repubblica il contesto della sua Genova, in attesa di un futuro possibile, anche grazie al masterplan che lui ha donato alla città, il cosiddetto Blue Print. Il Mediterraneo ha ereditato i caratteri di antiche civiltà, e in questi anni si è arricchito proprio lungo il waterfront di nuovi pezzi di città che hanno cambiato lo skyline, rinnovando il rapporto con l’acqua.

Ecco che chi navigherà nel Mediterraneo questa estate potrà apprezzare tante architetture d’autore realizzate negli ultimi dieci anni, assolute novità com’è la stazione marittima di Zaha Hadid a Salerno o la Torre Odeon, il grattacielo più alto di Monte Carlo, o, ancora, pezzi entrati negli ultimi anni nell’immaginario degli appassionati d’architettura, com’è il Mucem di Marsiglia, quel polo culturale che si innesta sul tessuto storico della città e con una passerella pedonale sopraelevata si spinge sull’acqua, con un parallelepipedo traforato, firmato dai francesi Rudy Ricciotti e Roland Carta.

In un'ipotetica crociera, da Salerno a Monte Carlo, facendo tappa a Palermo, Malta, Valencia e risalendo su Barcellona, prima di arrivare lungo la costa francese fino a Marsiglia, l’architettura contemporanea è la nuova protagonista, un valore aggiunto per quei viaggiatori che amano le città d'acqua, che le scoprono dal mare e che ne apprezzano le sue stratificazioni.

Palermo è città capitale dei giovani nel 2017, e sarà capitale della cultura italiana nel 2018, e Malta, sempre il prossimo anno, sarà capitale della cultura europea. Il waterfront di Palermo è stato oggetto diversi anni fa della progettazione di un lungomare attrezzato, il Foro Italico disegnato da Italo Rota, e più recentemente la città ha sposato il contemporaneo negli spazi per la cultura, nella rigenerazione degli interior e nei nuovi complessi immobiliari alla Cala.

A Malta il fermento immobiliare è in crescita: un anno fa due team italiani, 5+1AA e Mario Cucinella Architect, avevano partecipato ad un concorso privato, anche con i cinesi Mad Architects e lo studio di Erick van Egeraat, invitati a progettare due torri per Metropolis Developments Ltd a Gzira e pochi mesi fa è stata posata la prima pietra per dare vita a questo importante progetto mix-used. Nel cuore della Valletta è quasi terminata la rigenerazione del mercato firmato dagli italiani di Archea e sul fronte del contemporaneo la fa da padrone il Parlamento di Renzo Piano, che ha ridisegnato l'accesso alla città.

La città d'acqua più dinamica della Costa Azzurra resta senza ombra di dubbio Monte Carlo e tra i tanti complessi in cantiere spicca sul waterfront uno yacht club firmato da Foster+Partners, nuovo fulcro del porto del Principato con attrezzature sportive e per il tempo libero, con bar, ristoranti e piscine, e una serie di ‘cabine' per gli ospiti in visita. E ai piani più alti terrazze e balconi per gli appassionati del Gran Premio.

Valencia e Barcellona sono tappe note per gli appassionati del contemporaneo, l'attenzione per Marsiglia è invece una novità dopo le grandi opere realizzate per celebrare la città capitale della cultura del 2013. Da allora lungo il bordo d'acqua sono stati completati oltre al Mucem, la Città del Mediterraneo di Boeri Architetti, i Docks di 5+1AA, il Silos di Roland Carta e in pieno centro il padiglione specchiante di Foster+Partners.

Le terre europee non sono bagnate solo dal Mediterraneo e tra le tante città che hanno investito sul turismo con progetti di rigenerazione urbana e sviluppo culturale si è distinta Porto, la nuova regina d'Europa, premiata come Best European Destination per il 2017. Il prestigioso riconoscimento assegnato alla città riafferma il Portogallo come destinazione turistica di riferimento. Una rivincita per la capitale del Nord rispetto alla più glamour Lisbona, sotto i riflettori in questi anni e con nuove perle di architettura contemporanea com'è il Maat, il nuovo museo lungo il Tago che dialoga costantemente con l'acqua del fiume e la luce calda della città.

© Riproduzione riservata