Casa24

Climatizzatore last minute? Ecco come sceglierlo

emergenza caldo

Climatizzatore last minute? Ecco come sceglierlo

Pronto subito, oppure installabile rapidamente e in funzione immediatamente. Quando il caldo tocca i 40 gradi come è accaduto e accadrà in questa estate rovente, possono servire soluzioni rapide dell'ultimo minuto. Un climatizzatore portatile o uno fisso monosplit installabile in pochissimo tempo, un ventilatore potente e realmente raffrescante e, infine, la vera novità della quale avevamo già scritto per primi in passato. E che era riservata quasi sempre a negozi, ristoranti, uffici: il raffrescatore a nebulizzazione.

Prima di fare l’acquisto attenzione a questi accorgimenti: comprate solo una marca conosciuta e solo in classe A, A+ e A++; fare attenzione a che sia gestibile a distanza, per avere sempre il fresco nel momento giusto, quando serve, senza sprechi né attese.

Quanto al ventilatore purtroppo gran parte di quelli in vendita spostano il caldo e, anzi, aggiungono calore a quello già stagnante. Perchè il motore è spesso poco potente e tende a surriscaldarsi. La scelta migliore? Il modello a soffitto oppure a colonna da terra. Solo un motore molto potente sposta e ventila molta aria abbattendo l’umidità; e solo grandi pale generano nell’area un reale miglioramento impedendo al calore e al sudore di ostacolare la normale traspirazione della pelle.

Anche per i raffrescatori vale la regola della potenza: un apparecchio che non si surriscalda, che ha un funzionamento costante e silenzioso abbassa la temperatura e crea una aerazione molto gradevole.

Quanto ai prezzi, i climatizzatori pronti subito – portatili o monospli – costano dai 500 ai 700 Euro; i ventilatori hanno prezzi nettamente inferiori così come i nebulizzatori raffrescanti.

Olimpia Splendid ha presentato Pelèr, la gamma più completa dei raffrescatori evaporativi che si basano sulla ventilazione e sull’azione rinfrescante dell’acqua. Che, contenuta in una tanica viene prelevata da una pompa che la porta verso un filtro. Su questo, imbevuto e bagnato, agisce il raffrescatore sprigionando aria fresca grazie al ventilatore. È lo stesso principio in base al quale quando siamo bagnati non sentiamo il calore grazie all’”effetto evaporante” prodotto sulla pelle.
Ed è lo stesso principio, applicato da anni, dai nebulizzatori per esterno come l'Avineb di Art-Eco: il pulviscolo acqueo emesso dal nebulizzatore evaporando abbassa la temperatura dell'aria.

Altri apparecchi come quello di Klarstein funzionano in modo diverso poiché alla potente ventilazione uniscono anche l’azione di due accumulatori di ghiaccio che, insieme all'acqua, raffreddano l'aria ventilata. I due accumulatori devono però essere messi nel congelatore ogni 4 ore.

Rispetto ai modelli di climatizzatori portatili decisamente rumorosi di qualche anno fa, quelli oggi in vendita sono in grado di funzionare con una bassa emissione di decibel per raffrescare l’ambiente senza flussi fastidiosi e senza disturbare il sonno. Attenzione alla potenza che deve essere elevata -meglio i 12mila Btu dei 9mila- e alla qualità dell'aria: chi ha problemi di allergia e di respirazione deve optare per le versioni – come quelli di Sharp – dotate di sistemi sofisticati di filtraggio e purificazione.
Il climatizzatore portatile produce acqua di condensa che va scaricata; alcuni apparecchi non lo richiedono perché hanno un sistema automatico di eliminazione della condensa e questo sistema è l'ideale per il funzionamento notturno. Contrariamente a quanto si crede, il climatizzatore portatile consuma più di uno split di tecnologia aggiornata e, di conseguenza, è necessario scegliere un modello che sia in classe A e, meglio ancora, in classe A++.

Spesso l'interno degli edifici diventa molto caldo perché i muri esterni sono sempre esposti al sole senza ripari. E, in certe località molto afose, non bastano nemmeno le tende per avere refrigerio. Un sistema che potrebbe risolvere questo problema, molto veloce da installare – molto semplice e poco costoso – è la nebulizzazione esterna delle tende che abbassa anche di 4-5 gradi la temperatura sottostante e, soprattutto, non trasmette più il calore all’interno È possibile ricorrere ad aziende specializzate cercando su Internet sotto la voce “nebulizzatori per esterno” oppure acquistare negli store del bricolage come Leroy Merlin, i kit appositi.

© Riproduzione riservata