Casa24

Usa, nasce colosso delle case in affitto da 20 miliardi di $

Mercato

Usa, nasce colosso delle case in affitto da 20 miliardi di $


Un unico deal con scambio di azioni per la creazione di un gigante delle case in affitto. Con un'operazione stimata in 20 miliardi di dollari, nasce negli Stati Uniti il maggiore operatore del settore delle locazioni per famiglie. Invitation Homes (di Blackstone Group) e Starwood Waypoint hanno da poco annunciato al mercato l'intenzione di fondersi e le relative modalità.
Tutto nasce dal portafoglio di immobili accumulati durante gli anni della crisi, quando entrambe le società hanno incamerato migliaia di abitazioni pignorate negli Stati Uniti. Con la fusione annunciata, insieme avranno un portafoglio di 82mila case monofamiliari in 17 mercati sparsi in tutti gli Usa, centrato su immobili per la classe media, che rappresenterà comunque meno dello 0,1% degli oltre 90 milioni di case monofamiliari in America e solo lo 0,5% dei quasi 16 milioni di case in affitto. I numeri di base sono buoni, tanto che in media le due società hanno evidenziato un aumento del 7% del net operating income, con un'occupazione degli immobili superiore al 95 per cento. In base alle quotazioni del giorno antecedente l'annuncio dell'operazione, la capitalizzazione complessiva del nuovo operatore sarà di circa 11 miliardi di dollari, mentre il valore complessivo, incluso il debito, è stimato in 20 miliardi di dollari.
In base all'intesa annunciata, i soci di Invitation Homes controlleranno il 59% circa del gruppo combinato; il restante 41% farà capo agli azionisti di Starwood Waypoint. Fred Tuomi, Ceo di Starwood Waypoint, diventerà Ceo di Invitation Homes, mentre Bryce Blair, attualmente presidente di Invitation Homes, diventerà presidente della nuova realtà. Il deal dovrebbe essere chiuso prima della fine dell'anno.
Secondo Dealogic, con questo accordo il settore real estate è quello che quest'anno ha visto le maggiori operazioni di M&A in termini di volumi, con operazioni il cui valore ha superato i 260 miliardi di dollari su scala globale.

© Riproduzione riservata