Casa24

Four Seasons cerca «casa» a Roma

ospitalità

Four Seasons cerca «casa» a Roma

Una tabella di marcia fitta di impegni per le prossime nuove aperture. È quanto illustra in un incontro informale Simon Casson, presidente della divisione Hotel Operations Europe, Middle East e Africa di Four Seasons.
Il brand di hotel di lusso, azienda canadese con all’attivo la gestione di 106 alberghi nel mondo con la formula di management contract, dopo la recente apertura a Londra si concentra adesso su destinazioni quali Megève, Kuwait e Tunisia.

A Londra Four Seasons ha aperto a Trinity Square in un edificio che ha ospitato la sede dell’Autorità del Porto di Londra e le Nazioni Unite. Punti di forza una Spa esclusiva e il ristorante La Dame de Pic di Anne-Sophie Pic, la prima chef francese ad avere tre Stelle Michelin.

In partnership con la famiglia Rothschild il brand aprirà a fine anno a Megève, nel Domaine du Mont d’Arbois. Si tratta di un complesso di 55 stanze dal design contemporaneo alpino, al quale ha contribuito nelle scelte la baronessa Rothschild in prima persona.

«Ci sono molte destinazioni nelle quali non siamo presenti e dove i clienti affezionati ci chiedono di aprire - dice Simon Casson -, e intendiamo accontentarli. Guardando all’Italia si tratta in primis di Roma, dove al momento non abbiamo ancora deal definiti, ma siamo in fase di trattative avanzate. Sono iniziative che richiedono tempo per trovare l’oggetto giusto. Non vogliamo aprire un hotel a Roma in una location di serie B. E sempre in Italia ci sono altre destinazioni dove vorremmo essere presenti come Capri, la Sardegna, la campagna toscana e Venezia. Ma nel mondo manchiamo anche da Vienna, Zurigo, Amburgo e moltre altre città che stiamo guardando con attenzione».

Four Seasons opera sempre in partenrship con un socio finanziario, così è stato per i due hotel “icona” aperti a Milano e Firenze. E così sarà in futuro. «Partner che possono essere soci privati, banche,, costruttori e così via» conclude Casson.

Ma ci sono anche interessanti progetti che sposano hotel e residenze, come sta avvenendo nell’isola di Hvar, in Croazia, dove Four Seasons gestirà 40 residenze di lusso, date in affitto con i servizi dell’hotel quando i proprietari non intendono utilizzarle.

Un settore che assicura al gruppo 50 milioni di dollari di business all’anno è quello delle Spa. Sono 103 i centri benessere presenti negli hotel, ognuno con una propria identità. «Puntiamo a fare in modo che ogni Spa sia unica, in modo che i nostri clienti provino un’esperienza non replicabile» dice ancora Casson.
In calendario anche le aperture a Tunisi e alle Seychelles (la seconda proprietà qui), mentre il primo dicembre scorso è stata aperta Four Seasons Private Island Maldives a Voavah, un’isola privata per un solo ospite (e famiglia), un indirizzo esclusivo.

«L’Africa è un continente in pieno sviluppo - dice Casson - e guardiamo con interesse a Sudafrica, Kenya, Nigeria e Costa d’Avorio».

© Riproduzione riservata