Casa24

L’elettrodomestico smart aiuta a non sprecare energia, cibo e acqua

all’ifa di berlino

L’elettrodomestico smart aiuta a non sprecare energia, cibo e acqua

La cucina e la casa smart, connesse, intelligenti sono le star di Ifa 2017, la Internationale Funkausstellung di Berlino che dal 1° al 6 settembre presenta le novità dell’elettronica di consumo, degli elettrodomestici, dei droni e dei videogiochi. I padiglioni degli elettrodomestici sono separati dagli altri settori, ma ormai potrebbero essere riuniti perché grazie a internet e alle app, al wifi e Bluetooth, agli smartphone e ai tablet il tv dialoga con il forno, la lavapiatti e la lavatrice dialogano con lo smartphone e tra loro per evitare black-out, la telecamera del frigo e del forno con i social network, e volendo anche con le telecamere della security. Inoltre ci sono gli assistenti personali di Google, Amazon, Apple, ai quali l’utente parla, pone domande e riceve risposte, così si evita l'uso di complicati display . Basta dire «spegni l’hi-fi in soggiorno e controlla la lavatrice», e l’assistente esegue, comunicando a che punto è il bucato e se l’hi-fi è spento. Un cicaleccio che per il momento è limitato ad alcuni paesi ma che diventerà famigliare anche da noi.

Su tutto, lo smartphone, che sta diventando “il telecomando della casa”. Grazie a piattaforme sempre più aperte come quelle di LG e Samsung, è già possibile ridurre il numero delle tante – troppe – app che trasformano un elettrodomestico in IoT. Come esistono i system integrator per gli impianti dell’edificio, vi sono finalmente specialisti che operano come app integrator.

Forni e piani cottura
I trend pi ù interessanti per la cottura riguardano, come è giusto che sia, la necessità di non sprecare il cibo grazie a cotture molto controllate e soft e a risparmiare il tesoro più prezioso, l’acqua. Due esigenze che diventeranno in futuro drammaticamente attuali. Cuocere con il vapore per esempio (molti i forni a vapore a Ifa), significa usare meno acqua, avere poche pentole e poche stoviglie da lavare (con risparmi enormi!).

Un esempio di innovazione assoluta è il forno Dialog di Miele che analizza la natura e la texture dei cibi e decide di conseguenza il tipo di cottura da applicare. E che è completamente diversa da quelle esistenti poiché impiega onde elettromagnetiche (niente a che fare con le microonde) che agiscono in modo molto soft e “mirato”, con un risparmio di tempo sino al 70%. Il sistema M Chef dialoga con il cibo per verificare di continuo che la cottura sia omogenea.
La manopola-sensore portatile come l’IQCook di Asko, posizionata sui coperchi, monitora costantemente la temperatura interna e la trasmette allo smartphone e al piano a induzione per evitare bruciature o cotture irregolari.

Con il forno Surf, Beko applica una tecnologia intelligente che consente di cucinare su ben 6 livelli con diverse temperature ma senza divisioni fisiche, con un risparmio di energia del 30%.
Si stanno moltiplicandosi gli autocuisers, i robot che cucinano in modo autonomo e molto vario, in connessione con il padrone/a di casa e che abbiamo potuto testare in Ifa con risultati davvero inaspettati. Anche in questo caso grande risparmio di acqua, energia e cibo: impossibile infatti bruciare gli alimenti e far traboccare i liquidi.

I frigo-congelatori
Grazie all’intelligenza artificiale inserita, sia pure a piccole dosi, alla connettibilità il frigorifero e il congelatore possono essere gestiti da fuori casa, dal balcone, dalla zona notte, dall’auto («raffredda il vano dei vini e prepara i cubetti di ghiaccio») ma soprattutto diventano multifunzione. Al loro interno sono inserite zone di conservazione molto differenziate e differenziabili. La tradizionale regolazione del freddo viene sostituita da sensori e da algoritmi avanzati che regolano in modo molto veloce la climatizzazione, l’eliminazione degli odori, l’igienizzazione, la ventilazione e la creazione del sottovuoto in base ai diversi tipi di derrate da conservare.
Due esempi per tutti: i due vani dei nuovi frigocongelatori Hyperfresh Siemens triplicano la durata della freschezza degli alimenti; indicando tramite una manopola quale è tipo di cibo da conservare , i sensori reagiscono immediatamente scegliendo il clima adatto e con estrema precisione. I Fresher Techs dei frigocongelatori di Haier migliorano e diversificano le prestazioni come il pannello di alluminio amovibile che triplica rapidamente la velocità di congelazione (“congela subito la carne inserita nel vano A”) o i sensori in tutti i ripiani che captano istantaneamente i cambiamenti delle temperature e provvedono a indirizzare il freddo verso alcuni vani.
Straordinario per la praticità e l’eleganza della soluzione, il frigo a cassetti di Fisher&Pykel accoppiabile alla lavastoviglie a cassetti mentre il nuovo Link Cooker di Haier con grande display è dotato di una telecamera che in base alle derrate stoccate all'interno suggerisce le ricette più adatte.
Ancora, i side by side di LG Instant veiw: toc toc e la porta diventa trasparente illuminando l'interno.

Le lavatrici
La maggior parte dei modelli presentati sono ormai in classe A+++, con capacità superiori ai 6 kg e con la possibilità di connettersi allo smartphone. Una tendenza molto forte: lavatrici con due motori e due vasche, e comunque con la possibilità di differenziare i lavaggi. E doppie: Haier e LG avevano presentato l'anno scorso il bucato “doppio”, due lavatrici in una unica scocca. Haier ha aggiornato la prima versione, e la lavabiancheria Dual Dry ha una capacità di lavare e asciugare 8 kg e, sopra, di lavare 4 kg. Haier ha inserito nelle sue lavabiancheria un motore a trazione diretta della controllata Fisher&Pykel, considerato per efficienza e risparmio energetico il massimo oggi esistente.

Samsung aggiunge alla serie di lavatrici Add-Wash dotate dell’innovazione che consente di aggiungere capi al bucato durante il lavaggio, anche una lavasciuga (8 e 6 kg) e con un motore digitale inverter molto efficiente. LG con Twin Wash propone due sistemi di lavaggio indipendenti in un'unica macchina con un notevole risparmio di tempo.
HIsense
ha portato a IFA un modello con triplo tamburo; oltre alla vasca principale da 10 kg vi sono due mini vasche da 1 k e tutte e tre possono funzionare in contemporanea. Bianca di Candy infine dialoga, parlando, con l'utente attraverso lo smartphone e lo aiuta a scegliere il programma e i parametri migliori.

Tra gli stand di Berlino anche qualche preoccupazione invece per la rigida regolazione europea della potenza degli aspirapolvere scattata il 1° settembre: la nuova etichetta energetica impone un livello al di sotto dei 900 Watt e senza diminuire la capacità e l’efficacia della pulizia, anzi, aumentando i parametri e tagliando il fracasso infernale di motori inutilmente potenti.

© Riproduzione riservata