Casa24

A Vienna ogni anno 30mila nuovi proprietari di casa

acquisti all’estero

A Vienna ogni anno 30mila nuovi proprietari di casa

Se siete alla ricerca della città ideale in cui vivere non dovete nemmeno spostarvi dall'altra parte del mondo, perché è Vienna a occupare il primo posto sul podio della migliore qualità della vita al mondo. E lo fa per l'ottavo anno consecutivo. A coronare la capitale austriaca è la classifica annuale di Mercer (www.mercer.com) , che passa al setaccio numerosi indicatori di oltre 230 città in tutto il mondo.

E al di là dei desiderata personali, la graduatoria di Mercer è di quelle che hanno il potere di spostare le lancette della bilancia delle grandi multinazionali, sempre alla ricerca delle migliori location per i propri headquarter o sedi di rappresentanza all'estero: «In tempi di incertezza come quelli attuali _ spiega Ilya Bonic, senior partner e presidente di Mercer's Career business _ le organizzazioni che pianificano di stabilirsi in una specifica location devono attentamente valutare l'impatto delle proprie scelte su tutto il proprio staff e quindi valutare elementi essenziali come la qualità delle infrastrutture, l'attrattività complessiva di una città, la facilità degli spostamenti, la propensione al business e la capacità di attirare talenti».

Già, ma quanto costa una casa? E quanto può essere lungimirante un investimento immobiliare in una città in testa alle classifiche della qualità della vita? Ecco una delle prime domande che sorgono di fronte alle hit parade dei migliori posti in cui fare business o vivere. Così che inizia oggi, nelle pagine di Casa24, una sorta di giro del mondo del Sole 24 Ore dei mercati immobiliari delle più interessanti città del globo. Cominciando, appunto, dalla città imperiale. In questo viaggio, Il Sole 24 Ore si avvale del contributo di Scenari Immobiliari, il più importante Istituto di ricerche indipendente specializzato nel real estate.

Traino dai giovani
Vienna, al contrario di molte altre città “vecchie” europee, gode di una particolarità: sta crescendo la popolazione nella fascia fra i 25-44 anni che, secondo le statistiche nazionali, è il segmento che negli ultimi dieci anni si è mostrato più attivo nella ricerca di una abitazione da comprare o da affittare. Quindi: l'incremento della domanda di case, già consolidato negli ultimi tre anni, è destinato a diventare ancora più marcato, con tutte le conseguenze positive per il mercato immobiliare.

«Nell'ultimo decennio in Austria ogni anno in media ci sono 30mila nuovi proprietari di casa, in particolare fra il 2014 e il 2016 questa media è aumentata a 44mila. Le previsioni parlano di un aumento costante dei neo-proprietari dello 0,5% annuo sino al 2022», dice Carlotta Lancia, dell'Ufficio Studi di Scenari Immobiliari. A tale richiesta, finora non ha fatto però eco un'offerta altrettanto dinamica.

Il dato positivo arriva però dall'andamento dei permessi di costruzione richiesti: negli ultimi mesi c'è stato un aumento del 5% per il Paese e addirittura del 40% per la sola Vienna. Il focus, dunque, è tutto sui nuovi sviluppi residenziali, su cui Casa24 punta i riflettori, nel caso di Vienna. Nell'infografica in questa pagina (e maggiori dettagli sul sito web www.casa24.ilsole24ore.com) sono raggruppati gli sviluppi in corso, con l'indicazione della location, dei prezzi e delle tempistiche di consegna.

I trend e le compravendite
Nel 2016 le compravendite di abitazioni in Austria sono state circa 122mila con un fatturato generato di circa 26,9 miliardi di euro, per un valore medio di ogni singola unità immobiliare di oltre 220mila euro.

L'aumento delle transazioni a fine 2016 è stato dell'8,3%, dopo il +18,8% del 2014 e il +16,6% del 2015. «Anche i prezzi sono aumentati e il picco massimo è stato toccato nel 2012con il +12,7%per quanto concerne il valore medio del residenziale in Austria, mentre a Vienna nello stesso anno l'aumento dei prezzi è stato di oltre quindici punti percentuali» dice Lancia. La media percentuale dell'incremento dei prezzi a Vienna negli ultimi cinque anni è stata di oltre sette punti percentuali all'anno, fra le più alte in Europa.

Il distretto più caro in assoluto rimane quello di Innere, dove gli appartamenti nelle più belle case d'epoca costano anche più di 17mila euro al metro quadro. I punti più “caldi” del mercato residenziale viennese sono tutti concentrati in quell'area che i viennesi chiamano la “U d'oro”, vale a dire Kohlmarkt, Graben, e Kärntner Straße, oltre ai nuovi spazi realizzati in Herrengasse, Tuchlauben e Donaukanal.

Il fatto che in questo distretto il mercato registri prezzi così alti è testimoniato dal numero di compravendite (solo 85 nel 2016) molto basse rispetto alla domanda, a causa di un'offerta molto rarefatta.

© Riproduzione riservata