Casa24

Per Bnp Paribas gli investimenti del real estate in Italia verso i 9 miliardi

mondo immobiliare

Per Bnp Paribas gli investimenti del real estate in Italia verso i 9 miliardi

(Marka)
(Marka)

Le società di advisory sono ormai concordi nel dire che in Italia il 2017 terminerà con volumi di investimento nell'ordine di 9 miliardi di euro. Secondo Bnp Paribas real estate i volumi del terzo quarter dell'anno sono stati di circa 2 miliardi di euro (inclusi i 600 milioni relativi all'acquisizione di Logicor da parte di CIC), +13% rispetto al Q3 2016. Di questi a Milano si sono concentrati circa 700 milioni, a Roma circa 300 milioni. Se si guarda a livello settoriale il segmento degli uffici ha raccolto circa 700 milioni; il retail circa 300 milioni; Hotel circa 200 milioni; Logistica circa 730 milioni. Nei primi nove mesi dell'anno i volumi sono stati di circa 6.8 miliardi di euro (+ 30% rispetto allo stesso periodo di un anno prima).
“Quello italiano è un mercato che continua a crescere. Una crescita testimoniata non solo dai numeri eccezionali, circa 7 miliardi di volumi nei primi nove mesi dell'anno, ma anche dalla capillarità dell'interesse espresso dagli investitori internazionali e non” spiega Cristiana Zanzottera, responsabile dell'ufficio studi di BNP Paribas real estate.
Si tratta di un mercato che guarda oltre gli uffici ed esprime un giusto matching fra domanda e offerta anche per il Retail (+28% nei primi nove mesi 2017 rispetto rispetto allo stesso periodo di un anno prima ), in particolare High Street, e per gli Hotel, sottolineando il clima di fiducia generale nei confronti del Paese anche in termini di fondamentali macroeconomici di domanda interna. “Questa tendenza emerge anche analizzando la distribuzione degli investimenti sul territorio che vede circa 3,5 miliardi di volumi destinati ad altre location rispetto a Roma e Milano, pur rimanendo quest'ultimo il mercato più liquido in Italia” dice Zanzottera .
Menzione a parte per il trend della logistica che registra un +300% da gennaio a settembre 2017 rispetto ai nove mesi 2016, grazie al deal Logicor/Cic a conferma di come la logistica italiana si stia avvicinando a dinamiche simili a quelle di altri paesi più maturi dopo la già eccezionale performance registrata lo scorso anno. “In prospettiva la tendenza dovrebbe essere sempre più positiva per questo asset class in grado di offrire in Italia rendimenti più competitivi rispetto a quelli presenti in altri Paesi europei” conclude.

© Riproduzione riservata