Casa24

Un aiuto professionale in cucina

piccoli elettrodomestici

Un aiuto professionale in cucina

Kenwood Spiralizer, grattugia e affetta frutta e verdura in strisce di diverse dimensioni
Kenwood Spiralizer, grattugia e affetta frutta e verdura in strisce di diverse dimensioni

Dimentichiamo l’assordante e surriscaldato “frullino” e tutti quei piccoli elettrodomestici che funzionano – o funzionavano, stanno pian piano scomparendo– con pochi watt e di conseguenza una potenza insufficiente a trattare bene gli alimenti. A farlo cioè senza sfibrarli, senza scaldare troppo i sapori e rispettando gli aromi, per non trasformare tutto in una poco invitante “pappa” di incerto sapore e colore. E danneggiando irreparabilmente i contenuti nutritivi. Per “trattare” bene i cibi occorrono una potenza costante e notevole, come quelle degli apparecchi professionali, contenitori grandi e funzionamenti molto veloci che non scaldino né alterino le fibre e il gusto (è il caso ad esempio del food processor Elite di Cusinart, da 1.500 watt o della Kitchen Machine Desiré della Russel Hobbes) . Con successivamente la conservazione sotto vuoto, che mantiene colori, sapori, profumi.

Freddo: dai gelati al frozen
Stessi requisiti per le macchine da “frozen”, quelle deliziose bibite a base di frutta, sciroppi, latte che, mantenuti a basse temperature, vengono poi erogati dall’apposito rubinettino (ad esempio la Vanilla Sky di Klarstein o la Cremosa di G3 Ferrari). E per i blender (Bugatti, Ninja), per avere cocktail a base di alcool, frutta e verdura fresca e ghiaccio tritato, pronti in pochi secondi e con un’invitante e decorativa spuma (quasi) come quella che sanno fare i baristi. E anche le gelatiere permettono preparazioni professionali (Nemox, Musso).

Espresso a regola d’arte
Per il caffè espresso, quello vero, italiano, la qualità di ogni parametro è fondamentale. E richiede un delicatissimo mix di temperatura, umidità, tipologia di acqua, potenza del flusso, oltre a materiali che non rilascino mai odori e sostanze. Le macchine per il caffè consumano energia per il riscaldamento dell’acqua ed è per questo che le norme europee hanno imposto alle caldaie di ridurre, con isolamenti aggiuntivi e dispositivi, il consumo energetico in stand-by e durante il funzionamento.

Le macchine europee, e in particolare quelle italiane, sono in linea con queste direttive e, inoltre non impiegano per le leghe il nocivo piombo (tra gli altri De Longhi, Elektra, La Piccola, vedi anche la gallery dedicata sul sito di Casa24 Plus) . Trend imperante è la connessione al web che consente di aggiornare tecnologie e miscele, ma anche di prevenire guasti. Per i veri coffee lovers è essenziale avere un macina-dosatore professionale: il caffè appena macinato e possibilmente con chicchi provenienti da diverse tipologie di coltivazioni, garantisce il 50% della qualità.

L’arte del latte
La classica lancia-vapore per l’elaborazione del latte in dotazione alle macchine espresso è ormai efficiente e potente come quella dei modelli da bar, per montare la panna o il latte in modo professionale e per avere un cappuccino ben “schiumato” e denso. E anche per ottenere sulla superficie del cappuccino quei disegni che tanto vanno di moda e che addirittura hanno dato vita al concorso internazionale “LatteArt” che si è tenuto all’ultima edizione di Host, a Milano. Gli schiumatori, per esempio, di Caso Design decorano anche dolci molto semplici con piccoli giochi di schiuma di latte, di cioccolata o di caffè. Con Lattissima di De’Longhi per Nespresso, grazie ad un touch screen intuitivo, gli appassionati del cappuccio ottengono bevande ben montate. Ugualmente semplice è anche Aeroccino di Nespresso.

Aromi sempre freschi
Da sempre gli chef utilizzano piante aromatiche molto fresche. Il segreto in questo caso sono spesso i kitchen garden hi-tech, contenitori idroponici, dove nutrienti naturali (niente sostanze nocive), acqua ben dosata e soprattutto la luce di lampade speciali a led fanno crescere in poco tempo le piante odorose e addirittura l’insalata. Il tutto è gestito da sensori che regolano ogni parametro assicurando alle piante l’alternarsi della luce e del buio per la necessaria fotosintesi clorofilliana. Con apposite app è possibile seguire l’andamento del garden e ricevere delle notifiche, ad esempio se manca l’acqua o se comincia la crescita (come ad esempio accade con Smart Copper di Veritable).

© Riproduzione riservata