Casa24

In Olanda il Bosco verticale per il social housing

architettura

In Olanda il Bosco verticale per il social housing

Un Bosco verticale dopo l’altro l’architetto Stefano Boeri conquista terreno anche all’estero e le città si popolano di palazzi mimetizzati nel verde dei propri terrazzi.
In linea con l’espansione estera inaugurata tempo fa, l’annuncio oggi che Stefano Boeri Architetti sta per realizzare a Eindhoven, in Olanda, la Trudo Vertical Forest, che rappresenta il primo Bosco verticale dedicato all’edilizia sociale.

Dopo i progetti di Bosco Verticale di Milano (i due primi edifici e i più noti), Nanjing, Utrecht, Tirana, Losanna, Parigi, ecco il format architettonico debuttare in Olanda. È arrivata proprio in questi giorni l’autorizzazione da parte della Municipalità. Non sono ancora noti i tempi per la realizzazione, si sa che entro il 2019 inizieranno i lavori.

Con la particolarità di inaugurare un nuovo corso dedicato appunto all’edilizia sociale, come richiesto dal committente Sint-Trudo. La Trudo Vertical Forest sarà, infatti, il primo Bosco Verticale che si rivolge a un’utenza popolare: in tutto 125 unità abitative dislocate su 19 piani (75 metri di altezza), appartamenti con affitto calmierato, che godranno della presenza sui balconi di alberi e piante delle specie più varie.
“Ogni appartamento di circa 50 mq disporrà di un albero, 20 cespugli e più di 4 mq di terrazzo - recita un comunicato -. In tutto 125 alberi e 5.200 tra arbusti e piante in modo da contrastare l’inquinamento atmosferico, grazie alla capacità degli alberi di assorbire oltre 50 tonnellate di anidride carbonica ogni anno”.

“La forestazione urbana non è solo una necessità per migliorare l’ambiente delle città nel mondo, ma l’occasione per migliorare le condizioni di vita dei cittadini meno abbienti” dichiara Stefano Boeri.

© Riproduzione riservata