Casa24

Affitti brevi più facili con Keesy, accordo con Booking.com

  • Abbonati
  • Accedi

Trova casa su

home sharing

Affitti brevi più facili con Keesy, accordo con Booking.com

Il Keesy point di Milano
Il Keesy point di Milano

È un po’ di tempo che state pensando di fare una breve vacanza in una città d’arte. Trovate un volo low cost davvero conveniente e un bell’appartamentino in centro in cui vi piacerebbe soggiornare. Peccato che il volo arrivi a notte fonda, così il check in diventa difficile, se non impossibile, e siete costretti a cambiare i vostri piani. Una soluzione che punta a superare questo tipo di ostacoli è offerta da Keesy, start up fiorentina che offre un servizio brevettato (depositato in 151 Paesi) di self check-in e self check-out completamente automatizzato dedicato al settore dell’home sharing, che ha inaugurato pochi giorni fa la sua presenza a Milano, dove conta di gestire oltre 10mila check-in entro il 2019.

Una soluzione che è piaciuta anche a Booking.com Italia, che ha annunciato oggi di aver siglato un accordo con Keesy. In questo modo le strutture ricettive di Roma, Milano e Firenze (le tre città in cui per ora è attiva la start up, a breve è prevista l’operatività anche a Venezia) presenti sul circuito Booking.com Italia che aderiranno all’iniziativa, potranno consentire agli ospiti le operazioni di check-in e check-out 24 ore su 24.

Ma come funziona in concreto? «In caso di arrivo di un cliente in un orario in cui l’host non può accoglierlo – spiegano i due operatori – basterà recarsi in un Keesy Point e attraverso un sistema di riconoscimento automatizzato sarà possibile ritirare le chiavi della struttura, custodite in appositi box di sicurezza, inviare i dati in questura, pagare il soggiorno e la city tax».
La stessa operazione potrà essere effettuata in uscita per la riconsegna delle chiavi e delle procedure di check-out, il tutto gestibile anche a distanza attraverso smartphone, tablet o pc. Per gli ospiti non ci sarà alcun costo supplementare. Il servizio è disponibile in forma di abbonamento, con numero illimitato di check-in/ check-out, o in forma di Keesy Check, singola operazione di check-in/ check-out.

Grazie a questo accordo, Booking.com propone a «tutti coloro che registrano una nuova struttura entro il 20 febbraio» uno “special code” che permetterà «di avere in omaggio un pacchetto da 15 Keesy Check da utilizzare nei Keesy Point di Firenze Santa Maria Novella, Roma Trastevere e Milano Centrale».
«È un’iniziativa che rientra nella nostra continua ricerca di soluzioni per favorire il lavoro dei partner e migliorare così il servizio anche per i clienti», commenta Andrea D'Amico, senior regional director di Booking.com Italia.

«Per noi di Keesy la partnership con Booking.com è un modo per rendere il nostro servizio accessibile a più strutture extra-alberghiere. Il nostro scopo – afferma Patrizio Donnini, founder e Ceo di Keesy – è quello di facilitare la vita degli host e dei guest, renderli liberi da vincoli di orari al momento del check-in e dargli la possibilità di incontrarsi in un momento migliore: vogliamo creare una nuova idea di accoglienza. Con Keesy non ci sono barriere linguistiche, l’host è libero dalla gestione di tutta la parte burocratica e dalla consegna delle chiavi».

Keesy punta a espandersi grazie alla «modularità delle funzionalità a disposizione», che consentono «a host e guest di scegliere tra la modalità “Keesy Box” per il ritiro e la consegna delle chiavi e l’espletamento delle pratiche burocratiche previste per legge e la modalità “Keesy Digital” relativa al solo espletamento delle pratiche burocratiche; quest’ultima è pensata in particolare per gli host che non vogliono rinunciare alla consegna di persona delle chiavi al guest, che considerano un importante gesto di ospitalità, ma che desiderano invece ricorrere a Keesy per la gestione degli aspetti burocratici legati alla permanenza dei loro ospiti».

© Riproduzione riservata