Casa24

Chi pulisce i vetri, chi stira, chi annusa inquinanti: tutti…

  • Abbonati
  • Accedi
iot

Chi pulisce i vetri, chi stira, chi annusa inquinanti: tutti i robot per la casa

Winbot di Ecovacs, premiato al Ces  di Las Vegas, è un robot lavavetri che si muove in autonomia grazie ad una tecnologia che lo tiene aderente al vetro e che anticipa ogni possibile cedimento per evitare cadute. Invia messaggi audio e video all'utente e dkaloga con Alexa di Amazon.
Winbot di Ecovacs, premiato al Ces di Las Vegas, è un robot lavavetri che si muove in autonomia grazie ad una tecnologia che lo tiene aderente al vetro e che anticipa ogni possibile cedimento per evitare cadute. Invia messaggi audio e video all'utente e dkaloga con Alexa di Amazon.

È cominciata l’era dei robot domestici? Il CES- Consumer Electronics Show di Las Vegas e il KBIS-Kitchen&Baths di Orlando, che hanno aperto il calendario 2018 della casa, che avrà la sua apoteosi con Eurocucina al Salone del Mobile di Milano in aprile, hanno visto entrare in cucina e nella casa un piccolo esercito di assistenti vocali e personali ai quali – parlando – viene affidato il compito di gestire in modo intelligente il parco degli apparecchi domestici, dai grandi elettromestici alla tv. Piccoli, accattivanti, di design

Assistenti personali
Ecco quindi il robot domestico di LG (l’azienda più premiata al Ces per l’innovazione e il design), che integrando l’assistente vocale Alexa Echo di Amazon, corre per la cucina a comandare, controllare, avviare, spegnere e regolare il piano, il forno (super, iper, con Intelligenza Artificiale), il frigo, il condizionatore, la cappa, il frullino (anche). Google ha riempito tv, muri, hall e i giganteschi spazi fieristici di Las Vegas, con la pubblicità del suo assistant per recuperare la distanza da Alexa di Amazon.
Q uello ha impressionato chi ha vsto le anteprime – e che vedrà applicato a Eurocucina-Ftk – è che i robot e gli assistenti virtuali vocali sono ormai in dotazione a piani di cottura e forni domestici così l’utente esperto può scegliere nella “libreria” virtuale e del Cloud tra una varietà di ricette che potrà anche arricchire con le sue.

Suggerimenti social
Potrà in tempo reale ricevere dai social network suggerimenti, e riceverà aggiornamenti speciali dei programmi automatici dal costruttore del forno o del food processor. Per esempio il robot-assistente già oggi fornisce utili varianti sul tipo di trattamento dei cibi: su come preparare ogni cibo in base alla ricetta e soprattutto in base al mantenimento dei contenuti organolettici. E proprio sugli ultimi risultati di ricerche sofisticate, sono stati cambiati i coltelli affettatori, i loro movimenti, i tempi e l'intensità delle lavorazioni dei robot-food processor (soprattutto degli autocuisers). Lo scopo: salvare senza stressare sapori e nutrienti (diminuendo i rifiuti) perché il food che arriva sulle nostre tavole proviene da catene logistiche e di conservazione molto molto lunghe. Se il cuoco domestico è poco esperto i forni-robot elencano con video molto belli le operazioni da eseguire, su un display sempre più grande e in alta risoluzione (Candy, Dacor, Asko, Whirlpool, Fisher&Pykel, Bosch, Thermador, Samsung, LG, Viking).

Stiro, pulizia dei vetri e videocamera
Se gli assistenti personali sono integrati in quasi tutti i nuovi elettrodomestici (gratis ovviamente); i robot più avanzati sono quelli che si occupano della pulizia (Ecovacs, iRobot, Neato) che finalmente riescono a pulire le vetrate senza cadere e che stanno diventando anche i security manager della casa essendo dotati di telecamere e di intelligenza artificiale. Sono IoT che, oltre a garantire il massimo dell’igiene, trasmettono foto e video ai padroni di casa assenti.
C’è poi l’apparecchio che stira e piega i panni: Foldimate, stira, piega e profuma le camicie, grazie a speciali bracci robotici che piegano le maniche; l'apparecchio dovrebbe essere sul mercato alla fine del 2018 grazie ad un accordo con il gruppo Bsh.

Sensori per la salute e il benessere
Ma al Ces e al Kbis c’era anche altro, come i robot annusatori di pesticidi, i misuratori di calorie e di zuccheri, i sommellier-robot in grado di ossigenrae per esempio il vino in rapporto al tipo di vitigno, evitando perdite di aromi. Il robot-versatore posto sulla bottiglia realizza, quasi, un miracolo: versare la bevanda ma senza che questa venga alterata - come accade quando la bottiglia è aperta – dall’ossidazione causata dall’aria.
Sono in arrivo anche analizzatori di ingredienti e di sostanze allergizzanti, e small appliances che riproducono in ridotte dimensioni funzioni esercitate dai grandi apparecchi: food processor che cucinano (non grossolanamente) e poi mestoli, forchette, manici e sonde che immersi nei cibi e nelle carni evitano di cucinare in modo frettoloso o di bruciare gli alimenti.
La presenza di questi assistenti intelligenti significa anche che salmonelle, germi e virus ad alto rischio vengono sterminati e che anche cuochi casalinghi di non eccelsa bravura riescono a imparare l’arte della buona cucina.

© Riproduzione riservata