Casa24

Seul guida la crescita dei prezzi delle case di lusso

  • Abbonati
  • Accedi
report Knight Frank

Seul guida la crescita dei prezzi delle case di lusso

Londra? New York? Parigi? Oppure Milano? Dove crescono di più i prezzi delle case di lusso nel mondo? La risposta può lasciare un po’ sorpresi, ma è in linea con i grandi trend demografici ed economici mondiali. La capitale del residenziale di lusso in termini di aumento dei prezzi è oggi Seul.
Secondo la ricerca “Prime global cities index” di Knight Frank, che fa il punto della situazione a fine marzo 2018, a Seul i prezzi delle dimore di pregio sono aumentati del 25% su base annua spinti soprattutto dalla richiesta nell’area di Gangnam, vanificando gli sforzi delle autorità di controllare la crescita dei prezzi.

L’indice prema Far East e Sudafrica
L’indice prende in considerazione 43 città in tutto il mondo e, a livello globale, evidenzia un aumento medio dei prezzi delle abitazioni d'alta gamma pari al 4,8% su base annua.

Oltre a Seul, sul podio ci sono Cape Town in Sudafrica e Guangzhou in Cina. La bella città sudafricana, i cui quartieri d’élite sono sempre più richiesti anche da una platea internazionale, vede infatti aumentare i prezzi del 19,3%, mentre la metropoli cinese segue a ruota con il +16,1 per cento. Tuttavia, mentre secondo i ricercatori di Knight Frank la tendenza di Seul è di un ulteriore aumento, le altre due città sono in fase di discesa o, perlomeno, calmieramento dei prezzi.

Le città europee
In Europa spiccano per aumento dei prezzi delle case di lusso Berlino, Parigi, Madrid ed Edinburgo. La città tedesca ha sperimentato un aumento dei prezzi del 10,9% e si piazza al quarto posto a livello mondiale, con un trend di ulteriore crescita. Parigi segue con il 10,5% e Madrid con il 10,1%, ma con una tendenza a un ridimensionamento della crescita. Edinburgo sta salendo nella classifica, con un +7,7% dei prezzi delle case di pregio e una tendenza al rialzo. Si segnala con un aumento superiore alla media dell’indice globale anche Zurigo (+6%), con un trend rialzista. Milano e Roma sono invece ferme sempre allo stesso punto, praticamente immobili con incrementi vicini allo zero e con una previsione di ulteriore immobilità.

Le più blasonate
Cosa succede invece in quelle che sono state negli anni passate le catalizzatrici degli acquisti dei super ricchi? New York segna un debole aumento dell’1% e le previsioni sono comunque di un futuro ribasso dei prezzi: nel medio periodo, però, grazie al dollaro conveniente il segmento del lusso dovrebbe iniziare a riprendersi. Londra, causa Brexit, è in discesa dell’1%, con stime di ulteriori scivoloni verso il basso. Anche in questo caso gli analisti di Knight Frank prevedono un rafforzamento nel medio periodo, mano a mano che la situazione politica ed economica del post Brexit si andrà stabilizzando.
Le pecore nere dell'indice sono invece Stoccolma, con un meno 8,4%, Taipei (-7,4%) e San Pietroburgo, in arretramento del 4 per cento.

© Riproduzione riservata