Casa24

Da caserma a cittadella della Pa torinese: al via il concorso di idee

  • Abbonati
  • Accedi

Trova casa su

riqualificazioni

Da caserma a cittadella della Pa torinese: al via il concorso di idee

La caserma Amione di Torino che ospiterà il Federal building  (nuova cittadella della Pa)
La caserma Amione di Torino che ospiterà il Federal building (nuova cittadella della Pa)

Sempre più vicina la trasformazione della caserma Amione di Torino, che diventerà la futura Cittadella della Pubblica Amministrazione. Oggi è infatti arrivato un passo importante con il lancio ufficiale della call internazionale per il masterplan. A fare notizia è anche il montepremi per il primo classificato: 101.640 euro messi sul piatto dall’Agenzia del Demanio. Concorsi di idee con importi così cospicui non se ne vedono tanti.

La procedura – presentata dal vicesindaco Guido Montanari insieme al direttore dell’Agenzia Roberto Reggi, al direttore task force immobili della Difesa Giancarlo Gambardella, al segretario regionale del Mibact Gennaro Miccio e al presidente dell’Ordine degli Architetti Massimo Giuntoli – prevede due fasi: la prima scadrà il 3 agosto e ha come obiettivo acquisire le proposte progettuali sul concept dell’area mentre la seconda (a cui accederanno le cinque migliori cordate) porterà allo sviluppo del vero e proprio masterplan. Il rimborso per i selezionati, che non risulteranno vincitori, sarà di 10.890 euro ciascuno: il primo classificato sarà proclamato a dicembre.
La parte tecnica è gestita dalla Fondazione per l’architettura/Torino: per partecipare è pronta la piattaforma Concorsiarchibo.eu/federalbuildingtorino.

La caserma Amione - che non sorge lontano dal centro, dove l'asse di corso Vittorio Emanuele si incrocia con quello di corso Francia - è un luogo precluso alla città e ospita attualmente alcune funzioni militari che verranno trasferite nella Caserma Dabormida, zona sud di Torino. Qui sarà delocalizzato anche una parte del Museo dell’Artiglieria, che nello spazio più prestigioso troverà invece casa nel Mastio della Cittadella, edificio recuperato e in pieno centro città. Nella caserma Amione (così come sta accadendo in altre città d'Italia) sarà creato un centro unico gli uffici della pubblica amministrazione statale: Torino però si distingue per la procedura scelta del concorso di idee. Nel futuro Federal Building (questo il nome con cui verrà connotato lo spazio) lavoreranno oltre 2mila addetti, dipendenti di 19 diversi enti. L’investimento per la valorizzazione e la rigenerazione urbana (dopo che saranno eseguiti i lavori, previsti entro il 2025) è di 60 milioni di euro (8 milioni il risparmio in termini di contenimento della spesa pubblica grazie alla centralizzazione degli uffici).

Se nel Federal Building, oltre alle attività della PA, saranno ospitate anche altre attività (magari commerciali o funzioni pubbliche, aperte alla città) sarà il concorso a determinarlo: ai progettisti infatti viene chiesto di mettere sotto la lente di ingrandimento l’intero contesto che occupa un territorio di oltre 42mila mq.

La valorizzazione andrà pensata anche a partire dalla storia particolare di questo immobile, edificato in stile Art Nouveau negli anni 1913-14: in origine ospitava la fabbrica Società Ceirano Automobili Torino, durante la Prima Guerra Mondiale è stato usato per la costruzione di veicoli bellici e motori per aviazione e, prima di essere requisito dall’Esercito e diventare una caserma, è passato anche attraverso la proprietà Fiat. L'immobile originario è solo in parte vincolato, perché ha subito i bombardamenti del 1942 e del 1945 ed è stato più volte rimaneggiato.

Nel progetto di riuso - questo è chiarito nelle linee guida del concorso - dovrà essere disegnato un nuovo quartiere smart, ecosostenibile e caratterizzato da una alta qualità urbana e architettonica. Un isolato di servizi, uffici, funzioni pubbliche e chissà ancora cosa. Oltre a 7.300 metri quadrati di verde urbano. Ora si attendono le proposte.

© Riproduzione riservata