Casa24

Lucas Museum, decolla la «navicella spaziale» delle arti…

  • Abbonati
  • Accedi
progetti

Lucas Museum, decolla la «navicella spaziale» delle arti narrative

Un rendering del  Lucas Museum of Narrative Art
Un rendering del Lucas Museum of Narrative Art

È stata posata a Los Angeles la prima pietra del Lucas Museum of Narrative Art: un’architettura iconica firmata dallo studio cinese Mad Architects. Il regista che ha dato vita alle saghe di Star Wars e Indiana Jones è il committente di un museo antropologico che ospiterà la sua collezione privata.

«Un progetto futuristico di circa circa 28mila mq di superficie – spiega Andrea D'Antrassi, associate architect di Mad Architect – che rappresenta un traguardo importante nella carriera del regista che ha tentato in precedenza di realizzare senza successo il suo sogno sia a San Francisco che a Chicago». I promotori non hanno dichiarato quanto costerà il museo ma si stima che l’intera operazione valga quasi 1 miliardo di dollari.

Il museo sarà realizzato nell'area dell'Exposition park di Los Angeles, vicino a diverse scuole di vario grado e all'University of Southern California dove lo stesso George Lucas ha studiato. «Sara una delle iniziative più importanti nel panorama culturale americano dei prossimi anni – continua D’Antrassi, giovane architetto italiano e responsabile dei progetti europei per lo studio – e lancerà ancor di più lo studio nel panorama internazionale, che vede MAD forte non solo in Cina». Progettista dell’Ordos Museum nel deserto cinese o dell’Harbin Opera House nel Nord Est della Cina, debuttato oltre confine ormai sei anni fa con le Absolute Towers in Missisauga in Canada, MAD Architects conquista il favore di grandi committenti internazionali, non senza essere apprezzato in Italia dove a Milano nella settimana del design week ha affiancato Audi per un'importante installazione nell’ambito del progetto City Lab, in Corso Venezia.

Il museo di Los Angeles integrerà una parte espositiva di arti narrative e un'altra educativa con spazi ricreativi. Previsti due cinema, un auditorium, delle sale per il workshop, una biblioteca ed una mediateca. Oltre alle forme d'arte tradizionali, nel nuovo Lucas Museum of Narrative Art che sarà pronto entro il 2021, si potranno trovare anche cimeli cinematografici e apprezzare performance digitali.

Come una navicella spaziale, il concept di Mad si caratterizza per un impianto sinuoso ed organico che richiama le forme pensate da Lucas per i suoi film, che avvolge gli ambienti espositivi e le varie funzioni del museo. Il tutto distribuito su cinque livelli. Sarà un nuovo landmark per quest'area e per l'intera città, con tutta la forza di diventare un nuovo attrattore urbano.

«Il cantiere favorirà il coinvolgimento di una pluralità di imprese e settori sociali – aggiunge D'Antrassi - in maniera tale che siano impiegate piccole e grandi imprese e che sia incentivata la manodopera locale, senza escludere chi è affetto da disabilità».

© Riproduzione riservata