Casa24

A Brescia si tornano a comprare le case nuove in classe A e B

  • Abbonati
  • Accedi
focus città

A Brescia si tornano a comprare le case nuove in classe A e B

(Agf)
(Agf)

La domanda abitativa d’acquisto su una piazza come quella di Brescia si mantiene dinamica anche in questa prima metà del 2018, confermando così un trend di ripresa delle compravendite partito circa un anno fa.

«Lo stesso tenore di mercato dovrebbe mantenersi in questi termini per i prossimi sei mesi – dice Francesco Nuccio, agente Re/Max – non vedo infatti nell’immediato futuro un aumento dei prezzi. Anzi, la tendenza è ancora molto forte verso l’assestamento dei valori». Il tutto su quotazioni di vendita che si sono ridotte anche più del 30% nell’arco dell’ultimo decennio in cui la crisi immobiliare ha toccato varie fasi.

BRESCIA ZONA PER ZONA
Andamento della domanda e dell'offerta immobiliare per quartiere e prezzi medi (in euro) al mq per tipologia di abitazione e tempi medi di durata delle trattative di compravendita (dall'incarico all'agente al compromesso) - GLI AFFITTI Canoni medi indicativi di affitto nelle diverse zone della città per un bilocale (dai 60 ai 70 mq) e per un trilocale (dagli 80 ai 90 mq)

Il grosso delle richieste si concentra sui trilocali e sui quadrilocali. Il centro mantiene il primato di zona più appetibile, soprattutto quello storico per il pregio. Fuori dai quartieri centrali, la domanda preferisce la zona Nord (con Crocefissa, Ospedale civile, Mompiano Stazione). Confermato, rispetto ai due semestri precedenti, il ritorno di interesse sul residenziale di recente costruzione in classe energetica A o B, a un prezzi entro i 3mila euro al mq. Ancora rara invece la messa in cantiere di iniziative di sviluppo di prodotto abitativo nuovo.

Le metrature più contenute (bilocale, raramente il monolocale) tornano ad essere ricercate dai piccoli investitori, che le mettono a reddito su un segmento come quello delle locazioni, oggi appannaggio di giovani coppie, single. Le famiglie, potendo accedere al credito bancario, preferiscono l'acquisto. Sul fronte mutui, in base ai dati raccolti da Facile.it negli ultimi 6 mesi, l'importo medio richiesto è di 128.447 euro, da parametrare con un importo medio erogato di 124.644 euro e un valore medio degli immobili acquistati di 205.386 euro.

GLI INDICATORI DELLE TRATTATIVE
I tempi medi di vendita delle abitazioni e il differenziale di prezzo tra richiesta iniziale e corrispettivo finale negli anni

Da segnalare un cambio di passo su due parametri centrali per capire l'andamento del mercato residenziale, come le tempistiche medie di vendita e la percentuale di sconto. Partendo da quest'ultima, a Brescia si registra che in fase di trattativa, tra prezzo iniziale proposto dalla proprietà e prezzo di chiusura, la media di sconto è scesa al 14,2% dopo aver toccato negli ultimi ultimi anni picchi massimi del 14,7 per cento. Stesso trend “a ridursi”, come anticipato, sulle tempistiche di vendita, che si sono abbassate ad una media di 8,2 mesi: di poco superiore alla media nazionale delle principali città a quota 8 mesi e dopo aver toccato il record negativo di 8,8 mesi nel 2014.

I TREND
Indicazioni degli operatori sull'andamento del mercato nei prossimi 12 mesi

© Riproduzione riservata