House Ad
House Ad
 

Commenti e Inchieste

Complimenti Estonia (e pure condoglianze)

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 08 gennaio 2011 alle ore 08:14.


All'Estonia bisognerebbe fare le congratulazioni, ma forse anche le condoglianze. Il paese baltico è entrato ufficialmente nell'Eurozona il 1° gennaio, un traguardo notevole che simboleggia la trasformazione da ex provincia sovietica a stato europeo a tutti gli effetti. Ma il costo di questa avventura finora ha incluso una recessione gravissima. Il Pil ha ricominciato a crescere, ma solo dopo un crollo del 18% dal 2007 e, secondo le proiezioni del Fondo monetario internazionale, non tornerà ai livelli pre-crisi fino al 2015. Anche la disoccupazione è aumentata a quasi il 18% ed è prevista al di sopra del 10% fino al 2014. Quindi, congratulazioni all'Estonia, ma anche condoglianze. Non è stato di certo l'ingresso scintillante nell'euro che le era stato promesso anni fa e che si aspettava.
Bisogna sottolineare che le recenti difficoltà europee con la moneta unica hanno in qualche modo reso giustizia agli "euroscettici", ossia a tutti coloro, poitici ed economisti me compreso, che avevano dubbi sul progetto dell'euro fin dall'inizio.
Qual era il motivo di tali perplessità? Gli economisti, come il sottoscritto e Barry Eichengreen, avevano esaminato la valuta proposta applicando la teoria dell'area valutaria ottimale, secondo la quale in sostanza l'adozione di una moneta comune da parte di due o più paesi implica sia costi che benefici.
Il beneficio è la riduzione degli oneri connessi allo svolgimento delle attività economiche. Il costo è la maggiore difficoltà di riallineamento dei prezzi dopo gli "shock asimmetrici", ossia i boom e le crisi che colpiscono alcuni paesi dell'Unione monetaria, ma non altri. Si riduce in presenza di un'elevata mobilità del lavoro, fra le regioni in fase di boom e di crisi, e quando esiste l'integrazione fiscale (un punto sollevato da Peter Kenen, mio collega a Princeton), grazie alla quale una crisi locale può essere parzialmente assorbita tramite prelievi fiscali minori e maggiori trasferimenti da parte di un governo centrale.
Nei primi anni 90 alcuni economisti americani hanno valutato l'euro proposto facendo un confronto tra l'Europa e gli Stati Uniti, che rappresentano il miglior esempio disponibile di area valutaria funzionante di dimensioni continentali. L'Europa è risultata molto meno adatta degli Stati Uniti, data la mobilità del lavoro decisamente inferiore e l'assenza quasi totale di integrazione fiscale. I sostenitori dell'euro si aspettavano guadagni commerciali consistenti, ma i vantaggi effettivi sono stati molto più modesti, deludendo le speranze riposte da alcuni nella moneta unica. La realtà ha dato ragione agli euroscettici del mondo accademico.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: &Krugman&Co | Barry Eichengreen | Estonia | Fmi | Francesca Marchei | Peter Kenen | Unione Europea | Università di Princeton

 

Questo non significa auspicare una spaccatura dell'Eurozona, che avrebbe ripercussioni molto gravi, ma possiamo trarre un insegnamento: l'analisi economica ha le sue virtù.
Gli euroentusiasti hanno ignorato le analisi di costi e benefici eseguite da molti economisti. Eppure quei costi e benefici erano, e sono tuttora, importanti.
(Traduzione di Francesca Marchei)
© 2011 NYT DISTRIBUITO DA NYT SYNDICATE

www.ilsole24ore.com
Altri commenti e le risposte
di Krugman ai lettori
IL POTENZIALE DELLA FORZA LAVORO e
COS'È LA PEL È l'acronimo di Popolazione in età lavorativa: rappresenta il potenziale di produzione economica
r
RAPPORTO PIL/PEL È il rapporto tra la crescita economica totale di un paese e quella della popolazione in età lavorativa
t
IN GIAPPONE I tassi di crescita del Pil sono stati bassi, ma la crescita si è verificata nonostante il rapido calo della Pel
u
NEGLI STATI UNITI Il Pil è cresciuto come quello giapponese ma la Pel è aumentata quasi quanto si è ridotta quella di Tokio
i
IN EUROPA Germania e Italia mostrano il declino della Pel, mentre per Regno Unito e Francia si prevede una crescita

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da