House Ad
House Ad
 

Commenti e Inchieste

Signori governatori non fate i politicanti

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 26 febbraio 2011 alle ore 09:41.
L'ultima modifica è del 26 febbraio 2011 alle ore 08:15.

Mervyn King, il governatore della Banca d'Inghilterra, ha fatto qualcosa di molto irrituale quando ha applaudito le politiche del partito conservatore, improntate a drastici tagli ad ampio raggio della spesa pubblica, dalle rette universitarie agli sgravi fiscali per le famiglie. «L'ultima cosa che deve fare la Banca d'Inghilterra è farsi trascinare nello scontro politico», ha dichiarato al Financial Times il 17 ottobre Ed Balls, ministro-ombra del Tesoro e portavoce dell'opposizione laburista.

Balls ha criticato il governatore per aver espresso pubblicamente la propria approvazione alle severe misure di austerity varate dal governo di coalizione, che secondo Balls rischiano d'innescare una ricaduta della recessione e un aumento della disoccupazione.
Secondo il ministro-ombra ci sono motivazioni politiche dietro la presa di posizione di King. Balls ha ragione. Ultimamente King si è dato molto da fare per difendere la strategia economica del governo tory e ha esortato l'esecutivo a procedere su questa strada, con tagli ancora più cospicui. Il governatore sbaglia sul piano economico (i tagli alla spesa sono la politica meno appropriata per un'economia ancora depressa) ma non è questo il punto fondamentale. Il punto è che chi dirige una banca centrale indipendente deve fare attenzione a rimanere al di sopra della mischia nelle faccende politiche, pena una perdita di fiducia nell'istituzione da parte della cittadinanza.
L'attivismo politico di King fa tornare in mente il comportamento di Alan Greenspan, presidente della Fed dal 1987 al 2006 e fiero sostenitore della disciplina di bilancio; finché alla Casa Bianca non arrivò un repubblicano, George W. Bush, e improvvisamente, nel 2001, il signor Greenspan dichiarò che gli Usa dovevano tagliare le tasse per impedire un calo troppo rapido del debito nazionale.

È molto triste vedere King percorrere la stessa strada. Criticai Greenspan quando era ancora un dio nel pantheon statunitense, quando approvava non solo i tagli delle tasse, ma anche, nel 2005, la privatizzazione del sistema pensionistico. Ho molti difetti, ma la reticenza a criticare i potenti non è tra questi.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Alan Greenspan | Banca d'Inghilterra | Comitato Esecutivo | Debito pubblico | Ed Balls | Fabio Galimberti | Fed | George W. Bush | Krugman&Co | Mervyn King | Ministero del Tesoro

 

Detto ciò, qualcuno forse si meraviglierà che non abbia espresso analoga disapprovazione nei confronti di Bernanke, attuale presidente Fed. C'è un buon motivo: non è paragonabile a Greenspan. Si può dire che ha preso delle decisioni sbagliate, e anche che è stato troppo morbido con le banche. Lo si può anche incolpare di aver ignorato, nella prima metà del decennio, i segnali di allarme sulla salute del mercato immobiliare in America. Ma non ha dato prova di una faziosità grossolana e inaccettabile, come fece un tempo Greenspan e come fa ora King.
(Traduzione di Fabio Galimberti)
© 2011 NYT DISTRIBUITO DA NYT SYNDICATE

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da