Commenti

Il Venezuela in ginocchio e il folle regalo di Maduro a Trump

L'Analisi|AMERICA LATINA

Il Venezuela in ginocchio e il folle regalo di Maduro a Trump

C’ una certa ironia nelle ultime notizie relative al fatto che il Venezuela ha elargito mezzo milione di dollari per l’insediamento presidenziale di Donald Trump tramite la Petrleos de Venezuela (PDVSA), la compagnia petrolifera statale. Il Venezuela di certo un “debitore insolvente seriale”, essendo stato in default pi volte di quasi tutti gli altri Paesi negli ultimi due secoli.

Recentemente, il dispotico governo socialista del Venezuela ha voluto cos disperatamente evitare un’altra bancarotta (sarebbe stata l’undicesima dall’indipendenza del Paese) da ipotecare i suoi gioielli industriali, inclusa la compagnia statunitense di raffinazione Citgo, con i russi ed i cinesi. (Il marchio Citgo particolarmente famoso nella mia citt natale di Boston, Massachusetts, dove il simbolo dell’azienda diventato un punto di riferimento nei dintorni di Fenway Park, dove gioca la squadra di baseball dei Red Sox).

Non del tutto chiaro il motivo per cui il presidente venezuelano Nicols Maduro abbia cos disperatamente voluto evitare il default sul debito estero del Paese, tanto da affamare il proprio popolo, come sostanzialmente aveva fatto il dittatore rumeno Nicolae Ceauşescu negli anni ottanta. Con cos gravi carenze di cibo e medicinali essenziali, non c’ dubbio che se e quando l’autocrate verr definitivamente deposto, vi saranno storie dell’orrore sinistramente familiari.

semplicistico ritrarre la tragedia venezuelana come una storia apocrifa di quello che succede quando un Paese viene preso in consegna da populisti di sinistra. Anche i governi di destra degli anni ’80 e ’90 erano corrotti; e mentre il reddito nazionale aumentava, la distribuzione del reddito era tra le pi disuguali del mondo. Ma vero che l’attuale “horror show” venezuelano davvero il prodotto di due decenni di malgoverno di sinistra.

Un tempo, un contributo come quello concesso a Trump dal Venezuela era solo un’inezia rispetto a un budget di aiuti molto pi grande. Sotto il precedente presidente, il carismatico Hugo Chvez, il Venezuela ha distribuito il suo denaro petrolifero in lungo e largo, soprattutto per sostenere altri governi populisti antiamericani nella regione. Chvez ha persino finanziato il combustibile per il riscaldamento di alcune famiglie a basso reddito degli Stati Uniti, un programma reso famoso, nel 2006, dagli annunci televisivi dell’ex deputato degli Stati Uniti Joe Kennedy II.

Ci risale a quando l’elevato prezzo del petrolio, in continua crescita, ha contribuito alla tenuta delle entrate venezuelane anche se la mala gestione economica ha fatto precipitare la produzione petrolifera in una spirale negativa. Si ricordi che il Venezuela non mai stato neanche lontanamente un Paese ricco quanto gli Stati Uniti, per cui il suo budget destinato agli aiuti stato come dare ai poveri, prendendo dai quasi poveri.

Oggi, con il drammatico crollo dei prezzi del petrolio, dopo la morte di Chvez per cancro nel 2013, il suo successore, che ha tutto il carisma di un burocrate a vita, costretto a cavarsela senza gli stessi facili introiti. E sebbene anche Chvez fosse dispotico, probabilmente aveva vinto le sue elezioni.

L’elezione di Maduro nel 2013, al contrario, stata una vicenda con una partecipazione molto ristretta al punto che molte persone la mettono in discussione; per prima cosa, all’opposizione non stato concesso praticamente nessuno spazio televisivo, anche se, negli USA, alcuni accademici sostenevano ingenuamente che Maduro avesse vinto onestamente.

comprensibile che gli studiosi di sinistra abbiano considerato interessanti alcune delle politiche di ridistribuzione ed istruzione del governo socialista, come nel 2007 ha fatto Joseph Stiglitz, premio Nobel, durante la visita a Caracas, capitale del Paese. Ma la volont di sinistra di ignorare lo smantellamento delle istituzioni democratiche in Venezuela ricorda pi le relazioni degli economisti di destra della scuola di Chicago con i dittatori latinoamericani negli anni ’70.

Oggi, l’economia del Venezuela un autentico disastro, con il crollo della crescita e la prossima iperinflazione che causano una diffusa sofferenza umana. In tali circostanze ci si potrebbe aspettare un tradizionale colpo di stato militare latinoamericano. Il fatto che esso non si sia verificato in Venezuela difficilmente riconducibile alla presenza di forti istituzioni democratiche. Al contrario, il governo permette ai militari di portare avanti liberamente i loro traffici di droga, consentendo a molti generali e funzionari di arricchirsi enormemente – ed essere in grado di acquistare la lealt di truppe fondamentali.

E questo ci riporta al bizzarro spettacolo di questo Paese economicamente disperato che contribuisce al finanziamento dei festeggiamenti per l’insediamento di Trump. Come Joe Kennedy II, i responsabili dell’organizzazione Trump possono replicare che se il Venezuela intende spendere i propri soldi per rendere migliore la vita del vicino settentrionale molto pi ricco, chi sono loro per rifiutare?

Ebbene, in entrambi i casi, gli Stati Uniti avrebbero dovuto dire di no: anche se l’aiuto trasparente, non affatto bello il simbolismo di un Paese ricco che prende i soldi dal suo vicino povero dove vivono milioni di persone sofferenti. E, anche se la politica statunitense nei confronti del Messico ha incrementato notevolmente le chance che vi diventi presidente un personaggio anti-americano “tipo Chavez”, particolarmente strano che i funzionari stiano facendo una pubblicit positiva a un governo che la caricatura di governance disastrose.

Il predecessore di Trump, Barack Obama, aveva adottato una posizione di principio nei rapporti statunitensi con il Venezuela, imponendo sanzioni per tenere sotto controllo comportamenti criminali, una politica che aveva ottenuto un ampio sostegno bipartisan. L’amministrazione Trump dovrebbe mantenere la stessa rotta, soprattutto perch il ribasso dei prezzi petroliferi hanno indebolito la mano del governo venezuelano. Invece di colpire l’America Latina, necessario che gli Stati Uniti dimostrino di poter offrire un’amicizia affidabile e di sani principi che non barcolli sotto l’influenza di corrotte tangenti di qualsiasi tipo.

1995-2017 Project Syndicate

© Riproduzione riservata