Commenti

Solo la ridistribuzione salverà i posti di lavoro persi con i dazi

  • Abbonati
  • Accedi
tariffe e occupazione

Solo la ridistribuzione salverà i posti di lavoro persi con i dazi

Secondo un sondaggio degli americani pubblicato dalla Washington Post/Schar School l’11 luglio, solo il 39% degli intervistati ha approvato l’imposizione di dazi da parte del presidente Trump, mentre il 56% si è opposto. Ma, anche se è una buona notizia che la maggioranza degli americani si oppone al suo presidente su questo tema, Trump sta precipitando le cose, pensando che il pubblico apprezzerà di più le tariffe quando entreranno in vigore.

È un enigma il perché persino il 39% supporta queste politiche. Sin dalla Grande Depressione, dalla Seconda guerra mondiale e dall’accordo sulle tariffe doganali e il commercio del 1947, gli Usa - sia il governo che i cittadini - hanno supportato il libero scambio.

La lezione di Adam Smith

Nel suo libro La ricchezza delle nazioni del 1776, Adam Smith fornì un argomento convincente per il libero scambio, invece di un commercio distorto dalle tariffe. Con il libero scambio, l’economia prospera perché beni e servizi provengono dai Paesi più produttivi nel crearli. Gli economisti Jeffrey Frankel e David Romer hanno confermato che i Paesi che hanno un commercio più libero hanno una crescita economica più elevata, e che questa non è solo la causalità inversa dalla crescita al commercio più libero.

Quindi, perché vediamo così tanto sostegno pubblico per una guerra commerciale intrapresa dagli Usa? Deve derivare dall’insicurezza del lavoro a volte imposta dal libero scambio e dal senso di ingiustizia che si manifesta quando si è tra i perdenti. La maggior parte della gente non vuole la carità. Gli elettori negli Usa hanno risposto bene a “Make America Great Again”. Non hanno risposto bene al motto dell’ex presidente Barack Obama “Spread the wealth around”.

Lo scienziato politico John Ruggie ha affermato nel 1982 che il multilateralismo e il libero commercio post-Seconda guerra mondiale erano il risultato di un «compromesso del liberalismo radicato». Un sistema multilaterale e tariffe basse potrebbero essere politicamente redditizie solo se il governo intervenisse per stabilizzare la vita dei cittadini.

L’economista Dani Rodrik ha fornito ulteriori prove a supporto del pensiero di Ruggie. Utilizzando i dati di 125 Paesi e controllando altri fattori, Rodrik ha trovato una correlazione positiva tra l’apertura economica dei Paesi e la quota della spesa pubblica nel loro Pil; cioè, più economie aperte spendono più denaro relativamente alla portata di beni e servizi per i loro cittadini. I Paesi ad alto commercio non sono Paesi di piccole dimensioni: è esattamente l’opposto.

Il valore totale del consumo pubblico è molto più importante dell’assicurazione temporanea di disoccupazione offerta da molti Paesi, o programmi come il Trade Adjustment Assistance negli Usa. Il Trade Adjustment Assistance consente alle persone in grado di dimostrare che i loro posti di lavoro sono stati persi a causa del libero scambio di ricevere un indennizzo temporaneo mentre trovano un nuovo lavoro. Obama voleva che tale assistenza, iniziata con il Trade Expansion Act del 1962, crescesse ulteriormente, creando un’assicurazione sui salari. Ma anche questa modesta proposta non è stata emanata.

L’«assicurazione di sussistenza»

Nel mio libro del 2003 The New Financial Order, mi sono schierato a favore di una “assicurazione di sussistenza” emessa privatamente, che protegge contro la perdita di reddito a lungo termine e fissa i premi sulla base dell’occupazione e della formazione. Ma anche se tali programmi potrebbero incoraggiare l’assunzione di rischi occupazionali e la crescita economica, non vengono attuati.

Una delle ragioni per cui è stato così difficile applicare il principio di assicurazione ai rischi commerciali è che se il governo offre la copertura contro i rischi per i mezzi di sostentamento derivanti dal libero scambio, sembra proprio una ridistribuzione. Ciò è vero perché i rischi di mantenere il libero scambio con tariffe basse possono essere a lungo termine. Perdere il proprio lavoro nell’industria siderurgica statunitense quando i mulini cessano l’attività di fronte alla concorrenza straniera può sembrare permanente. Ma è difficile immaginare i governi che sovvenzionano lavoratori disoccupati da decenni.

Il problema oggi è che, con l’aumento della globalizzazione - una nuova condizione apparentemente permanente -, e con l’ineguaglianza che si espande, le persone tendono a ritenere che la loro situazione economica a lungo termine sia sempre più rischiosa. Dobbiamo trovare un modo per assicurare le persone contro i rischi del mercato globale senza in alcun modo svilirli.

Cina: guerra dazi Usa, Pil trimestre frena a +6,7%

Più istruzione e welfare

Fortunatamente, esistono numerosi esempi per la ridistribuzione in natura da parte del governo che non sembri carità per i perdenti della società. Quando il governo spende i soldi delle tasse per l’istruzione pubblica universale e l’assistenza sanitaria, non colpisce molti come fa con la ridistribuzione, perché i servizi sono offerti a tutti, e accettarli appare più patriottico che umiliante. Finché la maggior parte della gente usa le scuole e i medici del governo, la ridistribuzione non sembra caritatevole.

Un’altra soluzione è che il governo incoraggi l’assicurazione del sostentamento privato sovvenzionandolo per coprire il costo dei posti di lavoro persi a causa del commercio estero. Le compagnie di assicurazione private, in competizione tra loro e soggette a determinati regolamenti, possono mostrare molta più creatività imprenditoriale nel gestire con successo i rischi che il libero scambio impone agli individui.

La guerra commerciale di Trump è una tragedia internazionale. Ma potrebbe avere un lieto fine se alla fine ci ricorda i rischi che il libero scambio impone alle persone e se miglioriamo i nostri meccanismi assicurativi per aiutarle.

© Riproduzione riservata