Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 14 settembre 2011 alle ore 18:38.

My24
Illustrazione di Guido ScarabottoloIllustrazione di Guido Scarabottolo

All'appello lanciato «Quest'Italia non ha più orecchio» da Quirino Principe - accademico di Santa Cecilia in Roma- sulle pagine dell'inserto Domenica hanno risposto in tanti. Pubblichiamo tra le tante lettere quella dell'onorevole Luigi Berlinguer Presidente del Comitato Nazionale per l'apprendimento pratico della musica che ha aderito all'iniziativa.


Caro Direttore Roberto Napoletano,
Le scrivo in merito alla prima pagina dell'inserto "Domenica" de "Il Sole 24 ore" dell'11 settembre u.s., interamente dedicata alla musica e al suo insegnamento a scuola in Italia, attraverso le prestigiose firme dei Professori Quirino Principe, Roberto Casati e Maurizio Giri.
In qualità di Presidente del Comitato Nazionale per l'apprendimento pratico della musica, istituito nel 2006 dal MIUR desidero ringraziarLa per la sensibilità che l'inserto culturale mostra per la musica e, in questa occasione, per il suo insegnamento a livello teorico e pratico nella scuola italiana.
Da anni il Comitato si impegna con azioni mirate affinché la presenza della musica a scuola non solo sia legittimata su solide basi concettuali, attraverso l'insegnamento storico-teorico, ma venga praticata concretamente, attraverso l'esercizio attivo da parte di tutti gli studenti di strumenti musicali.
L'idea guida del Comitato sta nella profonda convinzione che la diffusione della musica tra le giovani generazioni di studenti concorra in modo decisivo alla crescita individuale e sociale, in quanto linguaggio privilegiato di sentimento e conoscenza, che coinvolge allo stesso tempo il corpo, il cuore, la mente. Parimenti, sul piano metodologico e didattico, l'esperienza del "fare musica tutti", trasforma radicalmente gli spazi e i tempi del rapporto insegnamento/apprendimento, favorendo l'introduzione della creatività, dell'immaginazione e dell'arte.


In effetti, in questi anni alcune delle indicazioni del Comitato sono state recepite sia da un punto di vista normativo sia nella creazione a scuola di un tessuto favorevole alla pratica musicale. In tal senso si è avviato un processo che però va sostenuto anche attraverso l'appello di cui si fa portavoce il suo quotidiano.
Le affinità tra la riflessione dei sopracitati autori e le finalità del nostro Comitato non solo suggeriscono di aderire all'appello "Sostieni la musica nelle scuole" e, quanto più possibile, diffonderlo, ma inducono anche a proseguire con impegno crescente nella comune ma difficile opera di divulgazione della cultura musicale per la costruzione di una piena e responsabile cittadinanza.


Nella speranza di avere altre occasioni di confronto, anche se solo telematico, La saluto con viva cordialità.
Luigi Berlinguer

L'invito a fare musica in classe è sempre aperto!
Scrivete a musicainclasse@ilsole24ore.com

Commenta la notizia

Ultimi di sezione

Shopping24

Dai nostri archivi