Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 maggio 2013 alle ore 08:26.

My24

iamo come pachidermi, tendiamo le braccia l'uno verso l'altro, ma è fatica sprecata. Riusciamo appena a sfregare l'uno contro l'altro le nostre ruvide pellacce e restiamo molto solitari.
Moriva di tifo a soli 24 anni nel 1837, dopo una vita brevissima ma intensa e turbolenta, consacrata alla difesa dei diritti umani, violati senza tanti imbarazzi nella sua Germania. Si comprende, allora, quest'amara considerazione che fa il protagonista del dramma La morte di Danton che Georg Büchner compose due anni prima di morire.
I pachidermi che s'incontrano sembrano in realtà scontrarsi. Anche gli umani, quando incrociano le loro braccia, paiono spesso compiere un gesto formale e freddo, e talora persino un atto ostile, un duello (l'impegno civile di Danton è approdato alla ghigliottina). Wir sind sehr einsam, conclude sconsolato Büchner, la solitudine ci avvolge come un sudario. Eppure è possibile squarciarlo per un abbraccio…
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Dai nostri archivi