Domenica

«L'universo elegante» di Gianluca De Rubertis feat Amanda Lear

musica

«L'universo elegante» di Gianluca De Rubertis feat Amanda Lear

Finisce l'attesa per “L'universo elegante” il nuovo album di Gianluca De Rubertis che ha ricevuto entusiasmo da buona parte della scena musicale underground italiana e che presenta tra le featuring personaggi mitici come Amanda Lear e Mauro Ermanno Giovanardi. Nell'Universo elegante di De Rubertis, pubblicato per l'etichetta Martelabel e con il sostegno di Puglia Sound, c'è un pop tagliente amalgamato a un patrimonio musicale personale che tocca molteplici esperienze di vita: un intreccio emotivo dove si alternano toni ironici ad andamenti d'avanguardia uniti alla melodia di brani che scivolano via come una carezza. In precedenza il cantautore pugliese è conosciuto per aver suonato nel duo Il Genio, nella band Studiodavoli e, nel 2012, per l'esordio del suo primo album da solista intitolato “Autoritratti con oggetti”.

Ogni brano di De Rubertis è come un'immersione nell'universo anni Settanta in cui la costante è quest'interrogazione sulla natura umana - domande che finora non hanno trovato risposta dopo secoli e secoli di filosofia - che trova nell'Universo elegante la risposta esilarante del dardo vintage di un cupido dal gusto un po' retrò. La magia che orbita nei testi di De Rubertis, infatti, spesso riguarda la sensualità utilizzata come filtro con cui leggere la vita, a volte delicata altre volte sfacciata. Si tratta di un album dalla riuscita tecnica soddisfacente merito della partecipazione al progetto di professionisti come Sante Rutigliano, Davide Lasala e Andrea Fognini ma anche del Gas vintage Studio di Roma, dell'amico e cantautore Leo Pari, e dell'Edac Studio di Fino Mornasco - “luoghi fondamentali per il suono, per le scelte e per dare il giusto vestito a questo album” secondo lo stesso cantautore. Chi ascolta il disco si sente avvolto da un'aurea sofisticata e d'altri tempi che intriga nota dopo nota.

“Chiedi alla polvere” è il brano d'apertura che allude agli umani come granelli di polvere cosmica. In “mai più” feat Amanda Lear ci si strugge per la fine di una storia d'amore ma si ritorna subito all'onirico con il brano “la vita è sogno” dove un bacio diventa il punto d'incontro tra materialità e spiritualità. A fare da trait d'union è una seducente “labbracadabra”, che già dal titolo fa intuire l'intreccio tra il magico e il romanzesco. Segue “sotto la tua gonna” che compiendo una rocambolesca giravolta riporta al punto di vista carnale. In rapida successione “brucia come brucia”, regala l'immagine di un bambino che impara il dolore dopo la caduta che gli ha procurato un ginocchio sbucciato; e “chiaro di luna siderale”, unico pezzo di piano solo. Invece, “magnifica notte” è l'altro brano che vede De Rubertis duettare con la seconda importante partecipazione dell'album ovvero quella di Mauro Ermanno Giovanardi, molto vicino alle atmosfere dei primi anni Ottanta. Il disco prosegue con l'eleganza di “fiorigami”, “cantico di una creatura” e “cos'è la vita”. A chiude la trackilist è “quello che resta”: nel buio più profondo la luce che si manifesta anche se solo come ricordo è un inno alla vita, cantato al buio ma con entusiasmo.

© Riproduzione riservata