Domenica

Aiuto! La melassa estiva!

non è mai troppo tardi

Aiuto! La melassa estiva!

  • –di Asif

L’estate si sta avvicinando, e alcuni segnali lo dimostrano inequivocabilmente: le maniche si accorciano, le zanzare si affollano e il palinsesto televisivo viene invaso da tanti, piccoli, viscidi e urticanti esperimenti. Tra le meduse catodiche
del momento, non vorremmo passasse
in secondo piano e finisse presto dimenticata, la puntata speciale di Uomini e Donne andata in onda la scorsa settimana, dedicata a una tormentata vicenda d’amore, i cui protagonisti arrivano dal cosiddetto “trono over”:
non si tratta di arzilli vecchietti alle prese con infatuazioni prescolari ripescate ottant’anni dopo, bensì di due signori di mezza età, Giorgio e Gemma, divenuti tanto celebri da meritarsi una succursale del programma tutta per loro.

Pretesto della serata è l’apertura di una segretissima lettera che la Gemma custodirebbe da mesi in cassaforte in attesa di rivelarne il contenuto al Giorgio, ovvero il suo amore disperato e lacrimevolissimo («ho vissuto mesi come una geisha, eri il mio mondo, il mio Eden sulla terra»), immutato malgrado la separazione, cui lui risponderà con la consueta e ampiamente prevista indifferenza («tra noi potrebbe esserci solo un rapporto fisico»).

E cosa aspettava, esattamente, la signora, prima di consegnare la missiva
e beccarsi l’ennesimo due di picche? Probabilmente che tutto fosse pronto:
la ricostruzione della love story, i filmati, le interviste, gli sms, le immagini fotografiche che scorrono a mo’ di ricordo del caro estinto, quando di defunto qui c’è solo il comune senso del pudore.

Ora, se non siete (come ci auguriamo di tutto cuore) dei seguaci appassionati del format defilippiano vi starete chiedendo come mai prestare attenzione
a un programma del genere che per altro (come ci auguriamo di tutto cuore)
in questa originale formulazione non verrà più trasmesso; la risposta è
la seguente: perché, malgrado la pochezza dell’operazione televisiva (non c’era manco un conduttore, uno studio, un pubblico, uno straccio di giuria, un accenno di televoto, un cartonato di un opinionista qualsiasi), la serata è stata seguita da più di quattro milioni di italiani, che si sono anche impegnati a diffondere e commentare a iosa sui social. Come interpretare questo successo? Siamo convinti che sia colpa della mollezza estiva, che rallenta i battiti cardiaci e intorpidisce le sinapsi (la stessa che ha colpito i tanti italiani che non hanno trovato lo slancio necessario a recarsi alle urne per le recenti amministrative): un male stagionale, che sicuramente con l’autunno svanirà. Vero?

© Riproduzione riservata