Domenica

David Bowie è... a Bologna

Mostre

David Bowie è... a Bologna

Mostra di David Bowie © Victoria and Albert Museum,Londra
Mostra di David Bowie © Victoria and Albert Museum,Londra

L'alieno riapproda sulla terra e lo fa attraverso il mondo colorato e iconico dei suoi costumi e arredi di scena, i video live dei concerti, gli strumenti e i testi originali delle canzoni. L'appuntamento imperdibile per i fans di David Bowie è al Mambo che ospita, dal 14 luglio al 13 novembre 2016, la mostra realizzata nel 2013 dal Victoria and Albert Museum “David Bowie Is”, dedicata alla straordinaria carriera del rocker inglese. La retrospettiva sul celebre artista, scomparso l'11 gennaio scorso, approda a Bologna e poi si trasferirà a Tokyo, dopo aver già toccato Londra, Chicago, San Paolo, Toronto, Parigi, Berlino, Melbourne e Groningen. Il museo felsineo che offre al visitatore una collezione permanente sull'arte italiana dagli anni Cinquanta a oggi, ed espone nelle sue sale la collezione del Museo Giorgio Morandi, accoglierà per cinque mesi anche le metamorfosi del Duca Bianco raccontate attraverso 300 memorabilia, provenienti dal suo archivio personale e numerosi contenuti “multimediali”.

Il percorso espositivo, creato dai curatori Victoria Broackes e Geoffrey Marsh è suddiviso in tre sezioni: la prima introduce il pubblico ai primi anni di vita e carriera di David Bowie nella swinging London, risalendo fino al punto di svolta del singolo “Space Oddity” nel 1966. La seconda parte invece accompagna il visitatore all'interno del processo creativo di Bowie e rivela le differenti fonti d'ispirazione che hanno dato forma alla sua musica e allo stile delle sue performance. La terza consente al pubblico di immergersi nei suoi grandi concerti live attraverso audio e video accoppiati all'esposizione di diversi costumi di scena, come l'iconico outfit di Ziggy Stardust (1972) disegnato da Freddie Burretti e gli arredi creati per il Diamond Dogs tour (1974). La retrospettiva, visitata da migliaia di persone fino ad ora, dimostra che la “stella nera della musica” non è destinata a scomparire con la sua morte ma continuerà a influenzarci ancora per molto tempo. Perché, come recita uno dei tanti video tributo, “David Bowie is one of us”.

Il museo è aperto il pubblico dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00. Per tutte le informazioni è possibile consultare il sito ufficiale: www.davidbowieis.it.

© Riproduzione riservata