Domenica

MilanOltre compie 30 anni: così nacque il festival «off» del…

kermesse

MilanOltre compie 30 anni: così nacque il festival «off» del teatro, della danza e della musica

MilanOltre, il trentennale festival off della capitale lombarda, deve i suoi natali a una precisa esigenza istituzionale. Fu infatti il Comune di Milano e l'allora sindaco Carlo Tognoli, nel 1986, a convocare i teatri dell'Elfo e di Porta Romana “commissionandogli” una manifestazione che aprisse la città alle nuove tendenze internazionali dell'avanguardia teatrale, musicale e della danza contemporanea. Prese vita così la meno istituzionale delle manifestazioni, con il preciso intento di dare una scossa ogni anno, agli inizi di autunno, al pubblico milanese.

Sui palcoscenici dei due teatri organizzatori come in altri spazi cittadini – convenzionali e non - arruolati per l'occasione, si sono alternati personaggi e proposte di tendenza, sempre con una particolare attenzione al teatro di movimento e alla danza contemporanea. Non ultimo fra i compiti istituzionali assegnati al Festival il lavoro di riavvicinare i giovani allo spettacolo dal vivo, andando a ricercare quelle proposte che adottassero forme di spettacolo molto più aperte, a superamento del rapporto codificato platea-palcoscenico.

Un esempio sovrano, nei primi anni “eroici” del Festival, la serie di eventi organizzati nel Padiglione Motori Marini dell'Ansaldo, appena recuperato alla città e aperto alle manifestazioni: uno spazio industriale nudo e grande come un campo di calcio in cui il gruppo catalano La Fura dels Baus portò i suoi spettacoli a base di seghe elettriche, musiche su motori a scoppio, schizzi di vernice (vera) e di sangue (finto) in mezzo a un pubblico itinerante che ogni sera, a migliaia, affollava il capannone.

Dal punto di vista del consolidamento, nel corso del tempo al Comune di Milano si sono aggiunti altri partner istituzionali (Ministero dei Beni e delle Attività culturali e Regione Lombardia) e un sostegno economico all'iniziativa arriva anche dalle fondazioni Cariplo e Banca del Monte di Lombardia. Malgrado tutte le difficoltà del settore, questi contributi consentono al festival di vivere e di continuare a progettare e innovare, premiato dalle oltre 200.000 presenze registrate fino ad oggi.

Questa la storia in sintesi. Ora il Festival ha da qualche anno perfezionato la sua vocazione dedicandosi interamente alla danza e concentrando le sue attività nelle sale polivalenti del Teatro Elfo Puccini.

L'edizione del trentennale festeggia il compleanno offrendo al pubblico 20 serate, 25 titoli/coreografie di cui 9 in prima nazionale. Il calendario degli spettacoli è arricchito con gli appuntamenti della sezione Incontri, traffici, contatti, incroci, punti di vista, occasioni di formazione e approfondimento come masterclass e momenti di confronto.

La serata inaugurale, venerdì 30 settembre, si apre con un omaggio alla compagnia belga Rosas/Anne Teresa De Keersmaeker, ospite a più riprese fin dalle prime edizioni che torna a MilanOltre con Fase, Four Movements to the Music of Steve Reich, spettacolo che ha segnato la storia della danza contemporanea e pietra miliare dei primi anni ‘80.
Seguono altri due focus, il primo dedicato alla Compagnie Marie Chouinard; il secondo dedicato ad una delle formazioni più rappresentative della danza italiana, la Compagnia Zappalà Danza.

Parallelamente una ricca sezione è dedicata alle compagnie nostrane, nella quale spiccano fra gli altri i progetti di Adriana Borriello, Col corpo capisco e di Susanna Beltrami che presenta in prima assoluta Con Tus Ojos, una creazione che attraverso la sensibilità, gli sguardi, le forze espressive e le esperienze diverse dei danzatori abbraccia la complessità dell'opera di Picasso.

Completano il programma i quattro appuntamenti di UNDER35InScena, a riconferma della costante attenzione del Festival ai giovani.
Auguriamogli quindi altrettanti decenni di attività, sempre in movimento e …oltre.

FESTIVAL MILANoLTRE 30ª EDIZIONE
… e la danza continua
Fino al 16 ottobre 2016
Teatro Elfo Puccini - Università degli Studi di Milano - DanceHaus
www.milanoltre.org

© Riproduzione riservata