Domenica

Dossier Fernando Coratelli

Dossier | N. 31 articoliAutori - Le strade della narrazione

Fernando Coratelli

Fernando Coratelli è nato a Bari, vive a Milano. Ha pubblicato i romanzi: Altrotempo (Cadmo editore, 2008), Quando il comunismo finì a tavola (CaratteriMobili, 2011), la short story Lì dove niente può succedere (Lite-Editions, 2012) e La resa (Gaffi editore, 2013).
È anche drammaturgo, le sue pièce andate in scena sono: L'ambigua storia di un bicchiere di Merlot, 2013 (Premio Fersen per la Miglior Regia, 2014) e Cosa vuoi che sia?, 2014.

HANNO SCRITTO...

D-Repubblica
Mara Accettura

Con una tecnica incentrata sul montaggio cinematografico alla De Lillo e un ritmo serrato dato dai dialoghi secchi ed ellittici, lo scrittore Fernando Coratelli scompone e ricompone la sequenza spaziotemporale di un plot complicato.

Succedeoggi
Andrea Carraro

Un punto d'osservazione desueto per guardare alla complessità delle vite. […]
È un romanzo a tutto tondo.

Il Fatto Quotidiano
Andrea Pomella

Un romanzo sorretto dall'ambizione di non assoggettarsi ai contesti reali, ma di manipolarli fino a ricreare una realtà possibile.
Un romanzo impegnativo, dunque, che però ha il pregio di essere sorretto da una scrittura fluente e spigliata, con dialoghi di grande realismo e un ritmo febbrile, caratteristiche che lo rendono infine una lettura piacevole e coinvolgente.

La Gazzetta del Mezzogiorno
Giovanni Turi

La resa più che come spy story, si fa apprezzare come romanzo generazionale, oltre che per la scrittura efficace e immediata e cogliere senza esitazioni peculiarità e distorsioni dell'oralità.

La Poesia e lo Spirito
Guido Tedoldi

Il mondo di Coratelli è una specie di eterno presente interpretato da miliardi di persone nello stesso momento – e raccontabile tutto.
Funzionale alla scelta di montaggio delle scene è la scelta di non scrivere il parlato dei personaggi tra virgolette.

© Riproduzione riservata