Domenica

Dossier Oscar 2017, ecco i favoriti della notte più attesa dell’anno

    Dossier | N. 2 articoliSpeciale Oscar 2017

    Oscar 2017, ecco i favoriti della notte più attesa dell’anno

    Quante statuette vincerà «La La Land»? Emma Stone riuscirà ad alzare il primo Oscar della sua carriera? Chi otterrà il riconoscimento come miglior film straniero? E «Fuocoammare» tra i documentari? Sono solo alcune delle tante domande che troveranno risposta durante la notte degli Oscar, in programma questa domenica al Dolby Theatre di Los Angeles.

    In attesa di scoprire i vincitori dell'89esima edizione, che verrà condotta da Jimmy Fallon, impazzano in tutto il mondo pronostici e indiscrezioni su chi vincerà le statuette più ambite dell'universo cinematografico. Dagli scommettitori più incalliti ai semplici appassionati, tutti scelgono i propri favoriti, sperando che il loro istinto coincida con il gusto dei membri dell'Academy.

    Gli oscar in cifre

    VEDI TUTTE LE NOMINATION PRINCIPALI:
    - miglior film »
    - miglior regista »
    - miglior attore protagonista »
    - miglior attrice protagonista »
    - miglior attore non protagonista »
    - miglior attrice non protagonista »
    - miglior documentario »

    Non si può che partire parlando di «La La Land», che con 14 nomination ha pareggiato il record di «Eva contro Eva» e «Titanic»: potrebbe anche eguagliare il record assoluto di vittorie (11), anche se sarà tutt'altro che semplice.
    Il musical di Damien Chazelle dovrebbe avere vita facile nelle due categorie principali – miglior film e miglior regista – così come nella stragrande maggioranza delle categorie tecniche.

    Qualche incertezza in più, invece, per il titolo di miglior sceneggiatura originale, per il quale dovrà combattere con «Manchester by the Sea» di Kenneth Lonergan.
    «Moonlight» di Barry Jenkins, il più quotato rivale di «La La Land» nelle categorie principali, è il grande favorito nel gruppo delle miglior sceneggiature non originali.

    Come miglior attore protagonista Casey Affleck («Manchester by the Sea») è nettamente in vantaggio su Denzel Washington («Barriere») e Ryan Gosling («La La Land»), mentre Emma Stone («La La Land») spera di superare l'agguerrita concorrenza di Natalie Portman («Jackie») e Isabelle Huppert («Elle») come miglior attrice protagonista.

    Tra i non protagonisti, invece, quasi certo il trionfo di due interpreti di colore come Mahershala Ali («Moonlight») e Viola Davis («Barriere»), entrambi eccellenti nei film che hanno interpretato.

    Se è scontata la vittoria di «Zootropolis» come miglior lungometraggio animato, si profila una sfida a due per il titolo di miglior film straniero con «Vi presento Toni Erdmann» di Maren Ade (Germania) e «Il cliente» di Asghar Farhadi (Iran), che sono vicinissimi nei pronostici.

    Purtroppo non sembrano esserci grandissime speranze per «Fuocoammare» di Gianfranco Rosi, come miglior documentario: i bookmaker danno favorito «O.J.: Made in America» di Ezra Edelman, film che ha già vinto diversi riconoscimenti e potrebbe dare un grande dispiacere a tutto il cinema italiano.

    © Riproduzione riservata