Domenica

Giornalismo tra censura, minacce e guerre

a milano il festival 2017 dei diritti umani

Giornalismo tra censura, minacce e guerre

Minacce e guerre rendono sempre più complesso il lavoro dei giornalisti
Minacce e guerre rendono sempre più complesso il lavoro dei giornalisti


Con una serie di proiezioni dedicate alle scolaresche e con una lezione sulla situazione del giornalismo tenuta da Ferruccio de Bortoli e da Ahmet Insel, giornalista turco, si è aperto il 2 maggio alla Triennale di Milano il Festival dei diritti umani, che durerà fino al 7 maggio. La libertà di espressione e di stampa è quest’anno il tema del Festival. Saranno 5 giorni di dibattiti, conferenze, mostre, proiezioni di film, teatro e arte. In particolare il 3 maggio, in occasione della Giornata mondiale per la libertà di Stampa, è prevista una mattinata di proiezioni che vedrà come ospiti alcuni giornalisti italiani e stranieri minacciati, cui seguirà nel pomeriggio una tavola rotonda in collaborazione con la Federazione nazionale della Stampa e la Federazione europea dei giornalisti (Efj).

“Il pericolo non dovrebbe essere il mio mestiere – Il giornalismo tra censure, minacce e guerre “è il tema del dibattito, che riguarderà molte situazioni critiche in diversi Paesi, anche europei. Sarà presente, per esempio, Nadja Azhghgikina, giornalista e sindacalista russa, che porterà una testimonianza diretta della difficile condizione di moltissimi suoi colleghi nel Paese. Parteciperanno alla tavola rotonda anche altri numerosi ospiti tra cui i genitori di Andy Rocchelli, il reporter ucciso in Ucraina nel maggio 2014 insieme all'attivista Andrey Mironov in circostanze non ancora chiarite. E verrà aperta la mostra “ Dall’ultimo fronte - l’Ucraina di Andrea Rocchelli e Andrey Mironov” dedicata proprio alle foto di Rocchelli. Si parlerà ancora di Turchia, dove, secondo il monitoraggio della Federazione europea dei giornalisti, 150 redattori sono in carcere solo per avere fatto il loro lavoro.

Ricco il programma dei giorni successivi, con dibattiti e proiezioni su bullismo e cyberbullismo, sulle donne, sulla deontologia dei giornalisti e sul ruolo dell’arte come comunicazione ed espressione di libertà.


festival diritti umani.it

© Riproduzione riservata