Domenica

Stasera la consegna della Palma d'oro: favoriti «Loveless» e…

cinema

Stasera la consegna della Palma d'oro: favoriti «Loveless» e «120 battements par minute»

Sta per calare il sipario sulla settantesima edizione del Festival di Cannes. Questa sera verranno consegnati i premi ufficiali e gli addetti ai lavori esprimono le proprie preferenze in attesa di scoprire il punto di vista della giuria capitanata da Pedro Almodóvar. In molti pensano a un verdetto a sorpresa, vista anche la qualità non certamente eccelsa di uno dei Festival di Cannes più deboli da tantissimi anni a questa parte. Il prescelto dai critici è l'ottimo «Loveless» di Andrey Zvyagintsev, film russo che meriterebbe il riconoscimento più ambito e che parte in pole position per un premio.

Una scena dal film «Loveless»

Accanto a lui, in prima fila tra i favoriti, «120 battements par minute», sorprendente pellicola firmata dal francese Robin Campillo, ambientata all'inizio degli anni Novanta e incentrata sul dramma dell'Aids.

È un po' più indietro nei pronostici ma andrebbe premiato anche «Wonderstruck», toccante lungometraggio di Todd Haynes con Julianne Moore.
Possibilità importanti per Ruben Östlund con «The Square» e per Michael Haneke che, dopo aver già vinto due Palme d'oro con «Il nastro bianco» e «Amour», punta nuovamente a salire sul palco con il controverso «Happy End».
A questo palmarès che sarà probabilmente ricco di colpi di scena, seguiranno sicuramente ulteriori polemiche sui due film di Netflix presentati in concorso: argomento tra i più dibattuti al festival sono infatti stati «Okja» di Bong Joon-ho e di «The Meyerowitz Stories» di Noah Baumbach.

Una scena dal film «120 battements par minute»

Come ogni anno, si discute sul fatto che l'ultima Palma d'oro vinta da una donna è datata 1993 per «Lezioni di piano» di Jane Campion. Proveranno a rompere il tabù Sofia Coppola con «The Beguiled» (tra i film migliori del concorso) e Naomi Kawase con «Radiance» (tra i titoli peggiori della competizione), mentre più indietro nei pronostici c'è Lynne Ramsay per «You Were Never Really Here» con Joaquin Phoenix.

Proprio lo straordinario attore americano è in lizza per il titolo di miglior interprete maschile, ma dovrà vedersela con la concorrenza di Claes Bang («The Square»), Dustin Hoffman («The Meyerowitz Stories»), Robert Pattinson («Good Time») e Louis Garrel («Le redoutable»). Come miglior attrice potrebbe spuntarla l'eccellente Nicole Kidman di «The Beguiled», ma attenzione anche a Vasilina Makovtseva per «A Gentle Creature» e a Diane Kruger per «In the Fade» (altri due titoli con speranze di premio). Intanto, da segnalare che Jasmine Trinca ha vinto l'importante titolo di miglior interprete della sezione Un Certain Regard.

I premi della rassegna sono stati attribuiti ieri sera e l'attrice di «Fortunata» di Sergio Castellitto ha ottenuto l'ambito riconoscimento. Il titolo di miglior film è andato all'iraniano «Lerd» di Mohammad Rasoulof, mentre Taylor Sheridan ha vinto come miglior regista per «Wind River».

© Riproduzione riservata