Domenica

Franz Ferdinand, la band che venne dal Nord

Musica dal vivo

Franz Ferdinand, la band che venne dal Nord

Franz Ferdinand
Franz Ferdinand

Affilatissimi riff di chitarra elettrica e cambi di ritmo indiavolati che si incrociano, il tutto senza perdere d’occhio la melodia. È questo il marchio di fabbrica dei Franz Ferdinand, band di riferimento della scena indie di Glasgow da buoni 13 anni. Sono senza dubbio loro i protagonisti della settimana della musica dal vivo, con due date in Italia, prima venerdì 1 settembre al «Beat Festival» di Empoli, poi il 2 all’Arena Alpe Adria di Lignano Sabbiadoro.
Cinque album all’attivo per la band capitanata da Alex Kapranos, dal debutto omonimo datato 2004 allo spin-off Franz Ferdinand & Sparks di ormai due anni fa. Cosa hanno di così speciale? Provate ad ascoltare Take me out, ammirate l’estetica colta, quasi neoavanguardista che il quartetto sfoggia nei video e sul palco (giacche attillate e cravatte strette, di ispirazione vagamente mod, sono un must del loro look) e non avrete dubbi su quanto la sappiano lunga.

Per il resto il pianoforte è il grande protagonista della settimana dei concerti. Gira infatti la penisola Michael Nyman, il compositore dell’iconico tema di «Lezioni di piano», maestro dello strumento per eccellenza. Il 3 settembre sarà al «Festival della Mente» di Sarzana, il 6 si esibirà con il contralto Hilary Summers e la sua band a Città di Castello, il 9 a Positano per «Musica per la Danza» e il 14 a Brescia in occasione del «Festival le X Giornate». Altro maestro del piano, per quanto frequentatore di territori musicali molto diversi, è Ahmad Jamal, maestro del jazz a stelle e strisce nato Frederick Russell Jones e convertitosi all’Islam nei primi anni Cinquanta (Malcolm X, per intenderci, era un suo lontano parente). Giovedì 7 settembre si esibirà nel Cortile della Biblioteca Pubblica di Carrara per il «Con-Vivere Carrara Festival».

© Riproduzione riservata