Domenica

Nobel e Pulitzer, al Salone di Torino mai così tanti autori stranieri

  • Abbonati
  • Accedi
editoria

Nobel e Pulitzer, al Salone di Torino mai così tanti autori stranieri

L’ultimo ad essere annunciato è un vero monumento della letteratura spagnola, Havier Marìas, autore di testi straordinari come L'uomo sentimentale, Il tuo volto domani, Tutte le anime, Nera schiena del tempo, Un cuore così bianco, Domani nella battaglia pensa a me. E adesso Berta Isla. L’edizione di quest’anno del Salone del Libro di Torino, in programma dal 10 al 14 maggio, si annuncia come tra le più internazionali di sempre. Annunciato da pochi giorni ci sarà ad esempio anche l’ultimo Premio Pulitzer sezione Fiction, Andrew Sean Greer che porterà al Salone il suo Less. «Mi hanno telefonato ieri sera alle 23 per inserirlo vuoi dirgli di no?», ha raccontato Il direttore Nicola Lagioia in occasione della presentazione del 19 aprile.

L’apertura

Giovedì 10 maggio il Salone si aprirà con una lectio magistralis di Javier Cercas sull’Europa. Uno dei più importanti scrittori contemporanei proverà a raccontarci cos'è, e cosa potrebbe essere il nostro continente: «Se mi vedessi costretto a rispondere con una sola frase a questa domanda, probabilmente la cosa più onesta sarebbe riprendere ciò che dice Sant'Agostino, nelle sue Confessioni, all'inizio di una sensazionale riflessione sulla natura del tempo: «Se nessuno mi domanda cos'è l'Europa, lo so; però, se voglio spiegarlo a chi me lo domanda, non lo so». Queste sono le mosse da cui parte Cercas per una straordinaria riflessione sul nostro continente scritta ad hoc per il Salone Internazionale del Libro.

Il premio Nobel
Dialogherà con Andrea Bajani, che la considera il proprio autore di riferimento, il premio Nobel per la Letteratura Herta Müller. La scrittrice sarà al Salone di Torino, grazie al Premio Mondello di Palermo.

La Francia, paese ospite
Maggio francese è il titolo della sezione dedicata a Paese ospite di quest’anno . Così arriverà Edgar Morin, uno dei più grandi pensatori degli ultimi decenni come che parlarerà di un suo libro in uscita sul Sessantotto. Ed ancora una giovane maestra della letteratura contemporanea come Maylis De Kerangal. E poi dalla Svizzera francofona Joël Dicker, l'autore de La verità sul caso Harry Quebert, che esce con il suo nuovo romanzo La scomparsa di Stephanie Meyer proprio il 10 maggio. E poi Veronique Olmi, Eric-Emmanuel Schmitt, Bruno Latour, Tristan Garcia, Oliver Guez che abbiamo già citato, Delphine De Vigan. Ed infine Oliver Guez, che con La scomparsa di Josef Mengele ha scritto un romanzo che sta riscuotendo successo e sollevando dibattiti un po’ ovunque.

Il premio Strega Europeo

Per la prima volta i cinque scrittori stranieri finalisti del Premio Strega Europeo presenteranno (giorno per giorno, finalista per finalista) i loro libri al Salone, e l'ultimo giorno verrà proclamato il vincitore. I nomi dei cinque grandi ospiti internazionali non sono ancora stati rivelati, in attesa che il Premio Strega elegga la cinquina.

Gli altri Paesi
Lo spagnolo Fernando Aramburu, autore di Patria, uno dei più importanti romanzi di questi ultimi anni per chi voglia capire qualcosa in più della Spagna e dell'Europa. Sempre dalla Spagna arriverà una delle scrittrici più amate in Italia: Alicia Giménez Bartlett. Dal Messico Paco Ignacio Taibo II, che è un altro affezionato frequentatore del Lingotto. Dall'Inghilterra Michael Brooks, uno dei più importanti divulgatori scientifici di levatura internazionale. Dalla Russia, Eduard Limonov. Leggendario scrittore, attivista, personaggio letterario grazie al celebre romanzo di Emmanuel Carrère. Dalla Bosnia, Diana Bosnjak, autrice di Da Sarajevo con amore, un toccante diario dell'assedio della città durante la guerra civile. Dalla Svezia, Björn Larsson, l'autore de La vera storia del pirata Long John Silver. Saranno poi presenti: l'islandese Auður Ava Ólafsdóttir, autrice di Hotel Silence, eletto libro dell'anno dai librai islandesi, uno dei romanzi più poetici e delicati dell'anno. La belga Lize Spit, autrice di Si scioglie, vincitore già di molti premi per il miglior debutto in lingua neederlandese. L'irlandese Lisa McInerney, E infine Petros Markaris, che dalla Grecia verrà per parlare della sua idea di letteratura e dei suoi libri. Dagli Stati Uniti Jeremy Rifkin.

Autori per il cinema
Dal Messico arriverà Guillermo Arriaga, autore de Il selvaggio, che per il cinema ha sceneggiato film come Amores Perros e 21 grammi. E che ha vinto anche una Palma d'Oro per la miglior sceneggiatura. Dall'Irlanda arriverà uno scrittore del calibro di Roddie Doyle, che conosciamo per romanzi come Smile o Due sulla strada. È autore di sceneggiature cinematografiche, nonché di un romanzo che è diventato un film di culto come The Commitments.

© Riproduzione riservata