Domenica

Tre amiche e una governante a caccia della verità

  • Abbonati
  • Accedi
romanzo di esordio di elysa fazzino

Tre amiche e una governante a caccia della verità

«Per i sentimenti è difficile trovare l’inizio e la fine. Non è come accendere e spegnere la luce». È dedicato alla storia e ai sentimenti delle donne “Le tre amiche” (Il seme bianco), romanzo di esordio di Elysa Fazzino, giornalista italo americana (di mamma americana e papà italiano) che ha lavorato fra Washington, Bruxelles e Roma e ha scritto, fra gli altri, per lunghi anni per il Sole 24 Ore. Nel romanzo si intrecciano amore, razzismo e sono protagonisti i diritti negati agli afroamericani. Le “tre amiche” sono le tre donne che hanno abitato per anni in una vecchia casa coloniale ora in vendita, quelle donne bianche che Rosa Washington, la governante nera di Charleston, nel South Carolina, ha accudito e invidiato. Quelle donne che Rosa ha cercato sempre di tenere insieme, ma che non sono riuscite a essere mai una famiglia per colpa di violenza, razzismo e guerra.

GUARDA IL VIDEO - La casa di Rosa Parks potrebbe tornare in America

Una storia degli anni Sessanta
Il romanzo racconta una storia degli anni Sessanta, quando il razzismo in America imperava. Quando a New Orleans, il primo giorno di scuola, una bambina afroamericana di sei anni divenne un caso di cronaca: Ruby Bridges dovette essere scortata da quattro agenti federali per arrivare in classe senza essere bloccata o insultata. Era una scuola di bianchi desegregata , bersaglio di proteste. E più di mezzo secolo dopo, nel 2008, i diritti degli afroamericani sono tutt'altro che acquisiti e la cronaca americana continua a mostrare la violenza del razzismo. E ancor oggi la cronaca racconta episodi analoghi.

Tre donne, il razzismo e un uomo in fuga
La storia, ambientata nel 2008, parte da molto più lontano: dall’amore di tre donne innamorate dello stesso uomo. Che torna a casa quando ormai tutto è solo passato. «L’incipit - spiega l’autrice - nasce da un episodio vero. Andavo spesso a curiosare in cerca di oggetti d’occasione nelle case in vendita. In una di queste case, in Virginia, seduta all'ingresso, c'era una donna nera che sorvegliava e chiacchierava con chi entrava e chi usciva. La frase “Tre donne hanno abitato in questa casa” è sua e mi ha colpito profondamente. Da lì è venuto tutto il resto». La vicenda è ambientata a Charleston perché, sottolinea l’autrice, «è una città rappresentativa del modo di vivere nel Vecchio Sud e ancora oggi emana nostalgia per quel passato. Charleston è simbolica per la questione razziale, è stato un porto importante per il commercio degli schiavi, ha visto la prima ribellione degli africani nelle colonie inglesi».

Le vite sconvolte da uno stupro
C'è una donna che è stata stuprata e proprio dopo quell'orrore lascia il fidanzato e sceglie una vita da reclusa. C'è un fidanzato che preferisce fuggire invece di scavare per trovare la verità. C’è un uomo che è stato ingiustamente imprigionato perché nero. C'è una casa da vendere, quella dove le protagoniste hanno vissuto. Ed è proprio la governante il filo conduttore della storia, quella Rosa che ha cercato in tutti i modi di tener unito il gruppo di amiche nonostante le traversie. Quella che è stata colpita pesantemente dalla sorte del fidanzato attivista nero ingiustamente ritenuto colpevole dello stupro e suicida in carcere. La stessa donna che si scopre innamorata di Ruggero Albani, quell'ufficiale della Marina italiana passato alla Navy che ha sempre osservato da lontano. L'uomo che ha preferito fuggire piuttosto che affrontare la cruda realtà.

La casa di Rosa Parks potrebbe tornare in America

I due ripercorrono insieme il passato: le loro vite si sono intrecciate e sono cambiate per sempre nel 1968, al culmine delle lotte per i diritti civili e della guerra del Vietnam. Lo stupro cambia per sempre le loro vite. Ruggero non fa niente per trovare il colpevole dell’aggressione alla sua donna. Parte per la guerra come chi annuncia il proprio suicidio. Non mette la città a soqquadro per scovare lo stupratore. Ma chi è il colpevole? Nel libro c’è una dedica a Rosa Parks: «Ero solo stanca di arrendermi». Come la Rosa Washington protagonista del libro.

LE TRE AMICHE
di Elysa Fazzino
Magnolia – Narrativa
© 2018 – Il Seme Bianco
Pag. 200 - € 17.90

© Riproduzione riservata