Domenica

«Il tuo ex non muore mai», commedia in salsa action con poco…

  • Abbonati
  • Accedi
cinema

«Il tuo ex non muore mai», commedia in salsa action con poco mordente

Un altro film al femminile è protagonista del weekend in sala: dopo «Ocean's 8» e «Amiche di sangue», usciti nelle scorse settimane, è arrivato il turno de «Il tuo ex non muore mai», commedia d'azione di Susanna Fogel.

Protagoniste sono Mila Kunis e Kate McKinnon nei panni di due amiche trentenni che si ritrovano al centro di una cospirazione internazionale: quando si scopre che l'ex fidanzato di una delle due è una spia con alcuni assassini alle calcagna, le due donne saranno costrette a scendere in campo.

Il titolo italiano del film può far pensare a una commedia a tutti gli effetti, ma è invece il versante d'azione a essere protagonista di questa pellicola il cui titolo originale («The Spy Who Dumped Me») si collega a quello di un celebre film della saga di James Bond («The Spy Who Loved Me», tradotto come «La spia che mi amava»).

Peccato però che sia il lato più leggero sia quello da spy-story risultino piuttosto deludenti, a causa di tante scelte narrative demenziali e di un ritmo che non riesce davvero mai a decollare.

Il copione abbonda di stereotipi e, tra sparatorie di dubbio gusto estetico e momenti inutilmente sopra le righe, sono diversi i buchi di sceneggiatura e i momenti ridondanti.

La regista Susanna Fogel ha lavorato in passato principalmente per il mercato delle serie televisive e, non a caso, la sua messinscena fatica ad avere un appeal degno del grande schermo.

Mila Kunis è poco convincente, ma comunque meglio di Kate McKinnon, sempre forzata nella sua interpretazione.


Più divertente è invece «Shark – Il primo squalo» di Jon Turteltaub con Jason Statham.

Ormai i cosiddetti “shark movie” sono praticamente un genere a sé, dato che quasi ogni estate arrivano nelle sale di tutto il mondo film con protagonisti degli squali, sempre pronti ad attaccare gli esseri umani con modalità diverse. In questo caso, però, i creatori della pellicola hanno pensato a qualcosa di ancor più inquietante: non un semplice squalo, ma un megalodonte (un animale estinto) è la minaccia che i malcapitati di turno dovranno affrontare.

Nonostante l'assurda sceneggiatura, «Shark – Il primo squalo» è un prodotto di discreto intrattenimento con effetti speciali niente male e un attore (Statham) sempre a suo agio in progetti di questo tipo.

Se non si è troppo puntigliosi, per una visione di metà agosto ci si può certo accontentare.

© Riproduzione riservata