House Ad
House Ad
 

Economia Aziende

Insolvenza per Tirrenia. Matteoli: «Non ci sarà spezzatino, tutelare occupazione e collegamenti».

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 agosto 2010 alle ore 12:44.

Via libera del tribunale di Roma alla dichiarazione dello stato di insolvenza per Tirrenia, avanzata dal commissario straordinario Giancarlo D'Andrea. Si apre quindi per la società la procedura di amministrazione straordinaria nel solco della legge Marzano. L'istanza per la dichiarazione dello stato di insolvenza era stata presentata dal commissario straordinario della Tirrenia, Giancarlo D'Andrea. Contro l'istanza si era schierata ieri la Uil Trasporti, che aveva sollevato la questione di competenza territoriale, ritenendo che a decidere sulla questione dovesse essere il tribunale di Napoli e non quello di Roma.

Con la sentenza pubblicata questa mattina, il collegio presieduto da Ciro Monsurrò e dai giudici delegati Francesco Taurisano e Fabrizio Di Marzio ha dichiarato la propria competenza territoriale, accogliendo l'istanza di dichiarazione dello stato di insolvenza della compagnia di navigazione. Si attendono ora le motivazioni della sentenza.

Le motivazioni del tribunale fallimentare. Sono due le ragioni indicate dal tribunale fallimentare di Roma per ritenere «sussistente lo stato di insolvenza» di Tirrenia. La prima - si legge nelle motivazioni - è il «grave e irreversibile stato di crisi finanziaria, determinante l'attuale assoluta illiquidità della società» e la seconda «la conseguente impossibilità, per la stessa, di fare fronte alle obbligazioni, già scadute e viepiù alle obbligazioni a scadere».

Nell'indicare che i debiti ammontano complessivamente a 646.600.000, il collegio dei giudici ha spiegato, in particolare, che «la situazione contabile, aggiornata al 4 agosto 2010, significa che l'ammontare dei debiti, già scaduti verso i creditori non strategici è pari a circa 15.000.000 euro; l'ammontare dei debiti verso banche a breve ammonta a circa ammonta a circa 227.000.000 euro mentre, la debitoria a medio e lungo termine è di circa 182.000.000 euro; l'ammontare dei debiti verso società di 'factoring' è pari a circa 36.000.000 euro, l'ammontare dei debiti verso le ex controllate è pari a 29.000.000 euro; a fronte di ciò - si legge nelle motivazioni della sentenza - la liquidità è praticamente azzerata corrispondendo a 18.506 euro».

Matteoli: «Non ci sarà spezzatino, tutelare occupazione e collegamenti. «Il governo e l'amministratore straordinario di Tirrenia non hanno alcuna intenzione di suddividere le attività aziendali della società di navigazione. Non ci sarà quindi il cosiddetto spezzatino», ha affermato in serata con una nota il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli. «Desidero rassicurare i lavoratori - ha aggiunto - che è intendimento del governo di procedere, con la collaborazione dei sindacati e attraverso la Legge Marzano alla privatizzazione di Tirrenia, salvaguardando i livelli occupazionali ed assicurando nell'interesse della collettività i collegamenti marittimi».

Oggi la decisione sull'insolvenza di Tirrenia

GENOVA - I giudici del tribunale fallimentare di Roma decideranno probabilmente oggi il destino di

Rinviata la decisione sull'insolvenza di Tirrenia

Fumata nera per Tirrenia. Il tribunale fallimentare di Roma avrebbe dovuto pronunciarsi

Sì al decreto Tirrenia con norme anche sull'autotrasporto

Via libera definitivo della Camera al decreto legge sulla Tirrenia (Disposizioni urgenti per

Tags Correlati: Ciro Monsurrò | Fabrizio Di Marzio | Francesco Taurisano | Giancarlo D'Andrea | Infrastrutture | Roma | Tirrenia | Trasporti Altero Matteoli | Trasporti e viabilità | Tribunali e organi della giustizia | Uil

 

Shopping24

Da non perdere

Per l'Italia la carta del mondo

Mentre la crisi reale morde più crudelmente, mentre i mercati finanziari saggiano possibili

In Europa la carta «interna»

Batti e ribatti sui nudi sacrifici degli altri, sull'algido rigore senza paracadute e prima o poi

La commedia di Bruxelles

Al Parlamento europeo è andato in scena il terzo atto di una commedia dal titolo: Regole per le

Guarguaglini: ecco le mie verità

«Ho sempre detto che ero innocente, le conclusioni delle indagini lo dimostrano: nell'archiviazione

Una redistribuzione di buon senso

Arrivano dal ministero della Giustizia le nuove piante organiche dei tribunali. Un intervento

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Tutte le future regine delle flotte aziendali

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da