House Ad
House Ad
 

Economia Gli economisti

Alla ricerca di denaro a basso tasso di interesse

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 04 febbraio 2011 alle ore 09:18.


BRUXELLES – Varie forme di bond europei, più precisamente eurobond, sono state recentemente proposte come via d’uscita dall’attuale crisi dell’Eurozona, cosa che, a detta dei fautori, faciliterebbe una riduzione dei costi di indebitamento. Tuttavia, tale ambizione sembra pressoché destinata a fallire sul nascere.

Il perché è presto detto, basta pensare ai benefici a lungo termine che ci si potrebbe aspettare da tali bond. La domanda è: i bond europei potrebbero offrire tassi di interesse più bassi rispetto ai tassi medi previsti per le obbligazioni nazionali?

Secondo i sostenitori degli eurobond, i tassi potrebbe creare un mercato più ampio e più liquido rispetto a quello delle obbligazioni nazionali. Probabilmente tale vantaggio è però limitato a un risparmio potenziale di pochi decimi di punto percentuale, che non è altro che la differenza in tassi di interesse tra questi bond e bond sovrani di alta qualità, come ad esempio quelli emessi dalla Germania e dall’Austria.

Un ulteriore vantaggio dei bond europei sarebbe il risk pooling, ossia la trasformazione di rischi individuali in frazioni di rischio collettivo: se i rischi a cui vanno incontro i singoli membri dell’Eurozona in difficoltà non fossero troppo dissimili – e non fossero troppo correlati tra loro – l’emissione condivisa di bond potrebbe, in teoria, ridurre il rischio di credito per gli eurobond rispetto al rischio medio previsto per le obbligazioni nazionali.

Questa però non è un’argomentazione da avallare ora, in un momento in cui i rischi dell’Eurozona sono del tutto irregolari (zero per i paesi principali e considerevoli per la periferia) e vi sono persino forti correlazioni tra i paesi periferici (che sono vulnerabili agli stessi shock, quali ad esempio tassi di interesse elevati o crescita bassa).

Di conseguenza, i guadagni dell’Eurozona derivanti dai bond europei potrebbero risultare irrilevanti. La scienza triste non fa altro che ripetere: nessuno ti regala niente. Ciò che i paesi debitori guadagnano in termini di bassi costi di finanziamento sarebbe controbilanciato dalle perdite per i paesi creditori, sia in termini di elevati costi di indebitamento che di basso reddito da interessi.

Tuttavia, paesi come Grecia, Irlanda, Portogallo e Spagna devono affrontare un problema reale: ora che i boom dei consumi e dell’edilizia sono passati, dovranno inevitabilmente attraversare un lungo periodo di lenta crescita. Allo stesso tempo, dovranno pagare tassi di interesse nettamente superiori, facendo lievitare il proprio debito e riducendo la propria capacità di estinguere tale debito. È quindi di vitale importanza per questi paesi una riduzione dei tassi di interesse.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Andamento dei tassi | Daniel Gros | Giulio Tremonti | Grecia | Jean-Claude Juncker | Simona Polverino | Stati Membri

 

Ciò nonostante, i bond europei non riusciranno a raggiungere neanche questo minimo obiettivo. Sono numerose le proposte avanzate, e tutte condividono due caratteristiche. La prima è quella di consentire ai membri dell’Eurozona di emettere bond garantiti congiuntamente e individualmente da tutti i membri fino a una certa soglia – ad esempio, sino al 40% del Pil, come hanno recentemente proposto il primo ministro del Lussemburgo Jean-Claude Juncker e il ministro italiano dell’economia, Giulio Tremonti. La seconda prevede che gli eurobond siano di tipo senior rispetto ai risarcimenti privati. Questa seconda componente è cruciale, perché renderebbe tutti gli altri debiti governativi di tipo junior.

In pratica, ciò significa che se la Grecia dovesse ristrutturare il proprio debito una volta raggiunta la soglia per l’emissione di bond, presumibilmente estinguerebbe in toto tali bond (che rappresentano essenzialmente il debito multilaterale ufficiale), e tutte le perdite sarebbero a carico dei prestatori privati. Il valore dei risarcimenti privati di conseguenza crollerebbe.

L’emissione di eurobond non ridurrebbe il debito complessivo di un paese, ne cambierebbe solamente la sua composizione. Sappiamo che le società non possono modificare il proprio valore totale di mercato cambiando la composizione delle passività (facendo in modo che alcuni risarcimenti siano di primo grado rispetto ad altri). Lo stesso vale per i paesi: fare in modo che alcuni risarcimenti siano di primo grado rispetto ad altri non porterebbe a una riduzione dei costi medi di indebitamento, a causa del costo elevato di finanziamento privato una volta trasformato in debito junior.

La sostituzione parziale del debito nazionale con eurobond potrebbe ridurre il costo marginale di estinzione del debito per i paesi in difficoltà durante la loro emissione. Sostanzialmente il loro costo medio non verrebbe tuttavia ridotto perché, se i creditori ufficiali fossero di tipo senior rispetto ai prestatori privati, il finanziamento ufficiale su ampia scala – che viene utilizzato principalmente per ripagare il debito maturato – impedirebbe ai governi di accedere ai mercati privati del credito.

Inoltre, a fronte di un’ampia emissioni di eurobond, tale problema si acuisce, perché l’esistente eccedenza di debito privato diventa sempre più rischiosa. Poiché i costi di indebitamento tendono a crescere proporzionalmente rispetto all’incremento del rischio, un paese con un ampio volume di bond europei circolanti potrebbe di fatto affrontare costi di indebitamento più onerosi. L’esperienza insegna altresì che i rischi negativi sono spesso esclusi dal mercato, e ciò implica che un paese con un elevato peso debitorio e numerosi bond europei circolanti potrebbe non essere in grado di emettere debito privato.

Naturalmente, se i paesi membri sono disposti a condividere i propri debiti, potrebbero ricavarne, in media, una piccola riduzione dei costi per l’estinzione del debito. Ma ciò richiederebbe l’europeizzazione della politica economica nel suo insieme, incluse, ad esempio, le aliquote fiscali e le regole pensionistiche. Dato che i membri dell’Eurozona hanno rifiutato persino l’idea di eventuali sanzioni automatiche per quei paesi con deficit eccessivi, certamente non approveranno una perdita di sovranità di tale portata.

Questo implica che gli eurobond sono in generale una cattiva idea? No. Se tutti i paesi membri avessero un basso livello di debito pubblico, l’emissione di eurobond fino al 40% o al 60% del Pil coprirebbe tutte le necessità di finanziamento, e i paesi potrebbero ricavare un modesto premio di liquidità. I mercati non consentirebbero loro di creare un vasto debito, e non sussisterebbe alcun rischio di default. Una condizione necessaria per l’emissione di eurobond è quindi quella di ridurre, prima di tutto, il debito pubblico a un livello sostenibile. Ma questo non rientra nell’agenda ufficiale, almeno non per il momento.

Daniel Gros è direttore del Centre for European Policy Studies.

Copyright: Project Syndicate, 2011.www.project-syndicate.orgPodcast di questo articolo in inglese:Traduzione di Simona Polverino

Shopping24

Da non perdere

Per l'Italia la carta del mondo

Mentre la crisi reale morde più crudelmente, mentre i mercati finanziari saggiano possibili

In Europa la carta «interna»

Batti e ribatti sui nudi sacrifici degli altri, sull'algido rigore senza paracadute e prima o poi

La commedia di Bruxelles

Al Parlamento europeo è andato in scena il terzo atto di una commedia dal titolo: Regole per le

Guarguaglini: ecco le mie verità

«Ho sempre detto che ero innocente, le conclusioni delle indagini lo dimostrano: nell'archiviazione

Una redistribuzione di buon senso

Arrivano dal ministero della Giustizia le nuove piante organiche dei tribunali. Un intervento

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Libri - «Il lato Bimbo»: ritrovare l'entusiasmo anche nel lavoro

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da