Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 04 novembre 2011 alle ore 17:42.

My24

Durante un recente discorso Paul Ryan, il presidente repubblicano della Commissione bilancio della Camera dei rappresentanti, si è detto scandalizzato per certe recenti dichiarazioni del presidente Obama.
«La settimana scorsa, nella Carolina del Nord, il presidente ha detto che i Repubblicani vogliono, cito, «aria più inquinata, acqua più inquinata e un minor numero di persone coperte da un'assicurazione sanitaria», ha detto Ryan a un incontro organizzato presso la sede del think tank di destra The Heritage Foundation, il 26 ottobre. «Può esserci un modo più meschino per descrivere franche diversità di opinioni fra i due maggiori partiti sul tema della regolamentazione e della sanità?».

Giusto per puntualizzare: perché quelle dichiarazioni sarebbero meschine? A me sembrano una descrizione quasi letterale delle proposte repubblicane in tema di normativa ambientale e riforma sanitaria.
Il Partito repubblicano sul tema dell'ambiente ha una posizione coerente, ed è che il ritorno economico garantito da una riduzione delle restrizioni compenserebbe largamente il maggior inquinamento dell'aria e dei corsi d'acqua.

O qualcuno intende davvero sostenere che meno regolamentazione non significherebbe più inquinamento?
E in materia di sanità, i Repubblicani non hanno ancora avanzato nessuna proposta per ottenere gli stessi risultati (garantire la copertura sanitaria a un maggior numero di persone) di quelle misure della riforma sanitaria che vorrebbero abolire.

Vorrei far notare anche che, a prescindere da come la pensiate al riguardo, la Romneycare [la legge sanitaria adottata dal candidato repubblicano Mitt Romney nel suo Stato, il Massachusetts, e che è sostanzialmente identica alla riforma sanitaria di Obama] ha ottenuto il chiaro risultato di ridurre il numero di cittadini senza assicurazione sanitaria nel Massachusetts.

Dunque il signor Ryan è scandalizzato – scandalizzato – dal fatto che Obama abbia descritto con precisione il programma del suo partito.
Vorrei aggiungere che questo episodio illustra un punto che molti commentatori negli Stati Uniti non sembrano cogliere: criticare le proposte politiche non è la stessa cosa che fare un attacco ad personam.
Se io dico che la mamma di Paul Ryan è un criceto e che suo padre odorava di sambuco, è un attacco ad personam. Se io dico che il suo piano penalizzerebbe milioni di persone e che lui mente sulle cifre, è un attacco duro, ma non è un attacco ad personam.

E lascia un po' sgomenti sentire persone che accusano quotidianamente Obama di essere un socialista mettersi a piagnucolare quando Obama dice che eliminare le restrizioni antinquinamento farebbe crescere l'inquinamento. (Traduzione di Fabio Galimberti)

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi