Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 giugno 2014 alle ore 18:10.
L'ultima modifica è del 15 ottobre 2014 alle ore 14:17.

My24


TORONTO – "Le infrastrutture, come dice la parola stessa", l'ex Segretario di Stato americano Madeleine Albright, "sono fondamentali per il funzionamento delle società." Eppure le infrastrutture sono senza dubbio l'elemento dimenticato dall'analisi economica del ventunesimo secolo. Infatti, l'incapacità di compiere gli investimenti infrastrutturali giusti ha compromesso il potenziale di rilancio della crescita e dell'occupazione in molti paesi.

Anche se il dibattito circa le infrastrutture tende a concentrarsi sulla necessità di finanziamenti più elevati e più creativi, il vero problema non è un livello di investimenti insufficiente. Piuttosto, l'antropizzazione si sta deteriorando a causa di un approccio frammentato alla pianificazione , il finanziamento, la costruzione e l'operatività delle infrastrutture, che prende invece più in considerazione il costo, la natura dell'investimento finanziario che ne deriva, e la posizione geografica.

Lo sviluppo di un nuovo approccio - basato su una prospettiva più ampia e sistemica - deve diventare una priorità assoluta di tutti coloro cha hanno la possibilità di indurre cambiamenti, tra cui gli amministratori delegati e gli alti funzionari pubblici. Questo è esattamente ciò che l' , che ha avuto la sua seconda riunione a Rio de Janeiro il mese scorso, si propone di fare, promuovendo soluzioni pratiche globali volte ad aumentare la produttività e l'efficienza di ogni aspetto di un progetto infrastrutturale.

Senza tali soluzioni, di investimenti in infrastrutture sarebbero necessari nel 2013-2030, solo per tenere il passo con la crescita del PIL. Questo è più del valore di tutte le infrastrutture esistenti attualmente.

Un'infrastruttura più produttiva potrebbe ridurre il costo infrastrutturale mondiale del 40%, cioé di 1.000 miliardi di dollari l'anno. Tali risparmi potrebbero stimolare la crescita economica di circa il 3%, pari a più di 3 trilioni di dollari, entro il 2030. Questo faciliterebbe un aumento degli investimenti in infrastrutture , con un incremento pari al 1% del PIL, che si tradurrebbe in un ulteriore 3,4 milioni di posti di lavoro in India, 1,5 milioni negli Stati Uniti, 1,3 milioni in Brasile e 700.000 in Indonesia.

Per aumentare la produttività dei un'infrastruttura, bisogna iniziare dalla fase di progettazione. Un approccio più pragmatico alla selezione dei progetti infrastrutturali in cui investire - con una una valutazione sistematica dei costi e dei benefici, sulla base di criteri precisi che rappresentano obiettivi economici e sociali più ampi - potrebbe far risparmiare al mondo 200 miliardi dollari l'anno.

Alcuni paesi stanno già raccogliendo i benefici di un simile approccio. Il della Corea del Sud ha ridotto la spesa in infrastrutture del 35%: al giorndo d'oggi, i funzionari respingono il 46% dei progetti proposti che devono valutare, rispetto al 3% precedente.

Allo stesso modo, il Regno Unito ha istituito un programma di revisione dei costi che ha identificato 40 grandi progetti prioritari, ha riformato i processi di pianificazione generale ed ha creato una sottocommissione per garantire che i progetti vengano portati a termine più rapidamente, riuscendo così a ridurre la spesa in infrastrutture del 15%. Ed il Sistema Nazionale degli Investimenti Pubblici del Cile valuta tutti i progetti pubblici proposti utilizzando formati, procedure e metriche standard - e ne rifiuta ben il 35%.

Ulteriori opportunità di risparmio - par ad un ammontare di $ 400 miliardi di dollari all'anno - si trovano nello snellimento dei processi di realizzazione dei progetti infrastrutturali. È possibile accellerare notevolmente l'approvazione e l'acquisizione di terreni, strutturare i contratti in modo da incoraggiare l'innovazione ed il risparmio, e migliorare la collaborazione con gli appaltatori.

In Australia, lo stato del Nuovo Galles del Sud ha tagliato i tempi di approvazione del 11% in un solo anno. E un'autorità stradale scandinava ha ridotto la spesa complessiva del 15%, aggiornando gli standard di progettazione, adottando tecniche di costruzione più snelle, e sfruttando appalti congiunti ed internazionali.

Opportunità per risparmiare non sono limitati ai nuovi progetti. I governi potrebbero risparmiare 400 miliardi dollari l'anno semplicemente aumentando l'efficienza e la produttività delle infrastrutture esistenti. Ad esempio, le "smart grid" (reti intelligenti) potrebbero ridurre i costi delle infrastrutture energetice di 2-6 miliardi di dollari all'anno negli Stati Uniti, riducendo allo stesso tempo l'insorgere di costose interruzioni alla fornitura.

Commenta la notizia

Shopping24

Dai nostri archivi