House Ad
House Ad
 

Finanza e Mercati In primo piano

Telecom Italia verso l'addio a Cuba

Storia dell'articolo

Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 28 dicembre 2010 alle ore 06:41.


MILANO
Telecom Italia si prepara a dare l'addio a Cuba. Secondo indiscrezioni, sarebbe infatti in dirittura d'arrivo la cessione della partecipazione detenuta in Etecsa, la compagnia cubana di telecomunicazioni. La quota del 27%, che nell'ultima semestrale Telecom era valutata 367 milioni, verrebbe rilevata dal Governo cubano che detiene il controllo del resto del capitale. Non si conosce il prezzo in discussione nella transazione che tuttavia, secondo le voci, incorporerebbe un premio.
Era stato lo stesso amministratore delegato di Telecom Italia, Franco Bernabè, ad anticipare a metà ottobre che le trattative per la cessione della quota di Etecsa erano in «fase avanzata», spiegando la decisione con il fatto che la partecipazione non avrebbe mai potuto essere consolidata. Nonostante Cuba offra alte potenzialità di sviluppo, considerata l'ancor scarsa diffusione nell'isola caraibica dei servizi di telecomunicazione. Al 30 giugno scorso Etecsa, che opera in regime di monopolio, aveva infatti solo 1,134 milioni di utenze fisse e 852mila linee mobili.
Lo scorso anno sembrava essere interessata a rilevare la partecipazione la spagnola Telefonica, maggior singolo azionista di Telco (la holding che controlla il 22,5% del capitale di Telecom Italia), che già aveva comprato dal gruppo italiano la tedesca Hansenet, a un prezzo pari a un enterprise value (equity più debito) di 900 milioni di euro. Ma il via libera dall'Avana, che è anche l'azionista di controllo di Etecsa, non è mai arrivato. Sarà da vedere, però, se gli spagnoli non torneranno in gioco in un secondo momento.
Se comunque la trattativa si concluderà con la cessione della quota al Governo cubano, Telecom Italia avrà sostanzialmente concluso il suo piano dismissioni. Stante la decisione di confermare la presenza in Argentina, dopo l'accordo raggiunto con il partner locale (la famiglia Werthein), e l'impossibilità di fatto di cedere almeno una parte della controllata Sparkle, incappata in una truffa che ne aveva gonfiato i risultati negli anni scorsi e comportato un danno contabilizzato in 507 milioni nei conti del gruppo. Dopo l'aiuto cubano in probabile dirittura d'arrivo, il processo di rientro del debito Telecom – a fine settembre scorso, a livello consolidato, la posizione finanziaria netta rettificata era negativa per 32,98 miliardi – dovrebbe perciò contare solo sull'apporto di cassa generato dalla gestione ordinaria.

L’articolo continua sotto

Tags Correlati: Comitato Esecutivo | Etecsa | Franco Bernabè | Internet | Telco | Telecom | Werthein

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Shopping24

Da non perdere

L'esempio di Baffi e Sarcinelli in tempi «amari»

«Caro direttore, ho letto (casualmente di fila) i suoi ultimi tre memorandum domenicali. Da

L'Europa federale conviene a tutti

Ho partecipato la scorsa settimana a Parigi a un incontro italo francese, dedicato al futuro

Non si può privatizzare la certezza del diritto

In questa stagione elettorale, insieme ad un notevole degrado, non solo lessicale, ma anche di

Le sette criticità per l'economia Usa

Quale futuro si prospetta per l'economia degli Stati Uniti e per quella globale, inevitabilmente

Sull'Ilva non c'è più tempo da perdere

La tensione intorno al caso dell'Ilva non si placa. Anzi, ogni giorno che passa – nonostante i

Casa, la banca non ti dà il mutuo? Allora meglio un affitto con riscatto. Come funziona

Il mercato dei mutui in Italia resta al palo. Nell'ultimo mese la domanda di prestiti ipotecari è


Jeff Bezos primo nella classifica di Fortune «businessperson of the year»

Dai libri alla nuvola informatica: Jeff Bezos, fondatore e amministratore delegato di Amazon,

Iron Dome, come funziona il sistema antimissile israeliano che sta salvando Tel Aviv

Gli sporadici lanci di razzi iraniani Fajr-5 contro Gerusalemme e Tel Aviv costituiscono una

Fiat: i recessi non supereranno il limite, fusione con Chrysler va avanti

Non sussiste alcun rischio per «il tempestivo completamente della fusione entro alla metà del mese

Dagli Assiri all'asteroide gigante del 21/12/2012, storia di tutte le bufale sulla fine del mondo

Fine Del Mondo, Armageddon, end of the World, Apocalypse? Sembrerebbe a prima vista roba da