Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 09 maggio 2012 alle ore 20:25.
L'ultima modifica è del 09 maggio 2012 alle ore 15:31.

My24

di Vito Lops

L'articolo 50 del Trattato dell'Unione europea prevede che un Paese membro, anche senza motivazioni particolari, può liberamente uscire dall'Unione europea. E di conseguenza, secondo l'opinione prevalente, anche dall'euro. Ma lo stesso articolo, e neppure altri del Trattato, non fanno riferimento a quali sarebbero le modalità di uscita e di ritorno alla valuta nazionale. In questo clima di caos dei mercati finanziari (oggi lo spread Spagna-Germania è tornato a 450, i livelli di novembre mentre la Borsa di Atene è crollata sui minimi degli ultimi 20 anni) e di incertezza normativa la Grecia sembra più fuori che dentro l'euro.

La voglia di uscire dall'Eurozona è emersa in modo lampante nelle elezioni del 6 maggio dove i partiti anti-euro hanno giocato un ruolo da protagonista. Lo stesso Alexis Tsipras, il leader del partito della Coalizione delle sinistre radicali (Syriza) che ha cercato invano di formare un nuovo governo, fa parte della schiera di coloro che ben vedrebbero la Grecia fuori dall'euro.

Ma cosa succederebbe alla Grecia (e agli altri Paesi dell'Unione) se davvero Atene si sganciasse dai cordoni del trattato di Maastricht? Lo abbiamo chiesto a esperti del settore per valutare gli impatti che un tale shock avrebbe sui mercati finanziari e sull'economia reale.

Come sarebbe Atene senza euro
«Come tutte le mete e le strade inesplorate, anche l'uscita della Grecia dall'Eurozona avrebbe conseguenze non prevedibili sulla base delle esperienze passate -spiega Andrea Ragaini, ad di Banca Cesare Ponti -. Se il mondo fosse a "compartimenti stagni", l'uscita della Grecia dal gruppo dei 17 non comporterebbe problematiche rilevanti: il peso percentuale del Pil greco su quello europeo è inferiore al 3%, il flusso di scambi internazionali è irrilevante ed anche il contributo alla governance europea non è certo determinante. Il mondo di oggi non è però fatto a compartimenti e i mercati finanziari vivono di aspettative. Il rischio è quindi che si individui un altro "candidato" all'uscita su cui concentrare l'azione ribassista; Spagna e Italia potrebbero essere i primi ad essere coinvolti nel fuoco della speculazione. Non sono quindi a nostro avviso stimabili gli effetti a catena dell'uscita della Grecia dall'area euro. Possiamo tranquillamente dire però che a livello interno la Grecia vivrebbe anni di caos economico e finanziario e, probabilmente, anche di forti tensioni sociali. Pensiamo quindi che i contro supererebbero i pro».

Secondo Vincenzo Longo di Ig Markets, il «Paese si ritroverebbe a partire da zero, con un'economia interamente da ricostruire senza aiuti o fondi provenienti dall'esterno. Inoltre il Paese potrebbe trovarsi isolato nei traffici commerciali con il resto dell'area. Da non trascurare che sarebbe seriamente minacciata anche la credibilità del Paese e questo complicherebbe la capacità di Atene di attirare capitali dall'estero. D'altro canto la Grecia potrebbe giovare della possibilità di decidere in piena autonomia la propria politica monetaria, che in questa fase di crisi potrebbe essere improntata verso una svalutazione della valuta locale, la dracma, per far ripartire l'economia. In uno scenario simile ci aspettiamo che il recupero che il Paese potrebbe avere sarebbe molto più lento e doloroso rispetto al salvataggio previsto dalla Ue».

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi