Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 luglio 2012 alle ore 08:21.

My24


Complicazione nella complicazione. Nell'aumento di capitale di FonSai c'è anche una gran confusione sulle azioni di risparmio. Forse non tutti sanno che di azioni di risparmio FonSai ne esistono di due tipi, e ben differenti: le vecchie, che nei documenti ufficiali sono definite di categoria A, e le nuove che saranno emesse nell'ambito dell'aumento di capitale in corso, definite di categoria B. Che differenza c'è tra A e B? Enorme, perchè le vecchie azioni A hanno diritto agli "arretrati" sui dividendi di due anni e pagheranno comunque per ogni esercizio 6,5 euro in perpetuo. Dunque, il primo anno in cui la compagnia distribuirà gli utili dovrà pagare 6,5 euro per i due anni di arretrato più almeno 6,5 euro per l'ultimo esercizio, 19,5 euro in tutto. Per gli anni successivi le azioni di risparmio A avranno comunque diritto alla maggiorazione di 6,5 euro. Questo anche nella prospettiva di fusione perchè sarà FonSai a inglobare Premafin, Unipol assicurazioni e Milano. Le nuove azioni di risparmio B avranno invece il diritto a un privilegio sulla distribuzione di utili futuri consistente in una maggiorazione limitata a 3,67 centesimi, cioè il 6,5% della "parità contabile", corrispondente al prezzo di emissione di 0,565 euro.
La confusione nasce dal fatto che le due classi A e B sono collegate. Ai titolari di azioni di risparmio, che sono di categoria A, è infatti offerto fino a mercoledì prossimo di acquistare, per ogni azione posseduta, 252 nuove azioni di risparmio che sono invece di categoria B. Il problema è che quando la Borsa ha dovuto stabilire un prezzo teorico per le azioni, dopo lo stacco del diritto avvenuto lunedì scorso, non ha tenuto conto dei diversi diritti sui dividendi, fissando come base unica un prezzo di riferimento rettificato di 0,7209 euro. Chiaramente un prezzo che ha a che fare con le nuove azioni che non sono ancora state emesse e non invece con le vecchie che come minimo non possono valere meno di 19,5 euro.
Cosa è successo? È successo che lunedì le "vecchie azioni di risparmio" sono subito schizzate alle stelle, segnando un rialzo teorico del 2999,8%. Sospese per ovvio eccesso di rialzo, alla fine si è riusciti a scambiare solo 4.568 pezzi al prezzo massimo consentito di 22,35 euro. I diritti invece, sulla base del prezzo rettificato delle azioni, avrebbero dovuto valere intorno ai 39 euro, un valore del tutto ingiustificato per la sottoscrizione di azioni con 3 centesimi di privilegio sul dividendo e che post aumento quoteranno presumibilmente meno di 1 euro in Borsa. Così è stato impossibile negoziare anche i diritti: scambiati alla fine della seduta di lunedì sono 1.941 pezzi al prezzo minimo consentito per l'immissione degli ordini di 23,57 euro.
Martedì mattina il rappresentante comune degli azionisti di risparmio FonSai, Dario Trevisan, ha spedito una lettera a Borsa italiana, a Consob e alla stessa società per segnalare il caso. A quel punto la Borsa ha sbloccato i limiti di prezzo, superati quali sarebbero scattate le sospensioni tecniche, e il risultato è stato che le azioni sono schizzate verso l'alto, mentre i diritti si sono schiantati. Ieri sera, al termine della prima movimentata settimana, le FonSai risparmio (A) hanno chiuso a 35,99 euro contro i 3,6 euro delle ordinarie (le quali comunque post-aumento scenderanno intorno a 1 euro), mentre i diritti sono finiti a 0,677 euro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
FonSai risparmio
LA SETTIMANA
Nel grafico l'andamento delle azioni di risparmio FonSai e dei relativi diritti nella prima settimana dell'aumento di capitale in corso che riguarda anche le azioni ordinarie della compagnia. In corso in parallelo anche l'aumento di Unipol. Le risparmio Fonsai in circolazione hanno diritto a una maggiorazione di dividendo di 6,5 euro, le risparmio di nuova emissione avranno un privilegio limitato a 3,67 centesimi. Ciò spiega il rialzo delle "vecchie" azioni e il crollo dei diritti per sottoscrivere le nuove azioni.

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi