Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 11 marzo 2013 alle ore 13:21.

My24

Un fenomeno noto, ma da cui non ci si può dire del tutto immuni. Con qualche "lacuna" sui nomi, visto che è proprio il termine phishing quello meno noto tra gli intervistati. È questo il quadro che emerge dal sondaggio che questa settimana IPR Marketing, ha curato in esclusiva per Il Sole 24 Ore.

Vediamo i numeri: il 69% degli intervistati ha ricevuto lettere inquadrabili come phishing, ma per il 61% il testo della mail non risultava credibile e solo il 7 per cento confessa di esserci cascato, inserendo i propri dati. Le truffe si sono registrate, almeno tra gli intervistati, in numero minore proprio sullo strumento sul quale maggiormente si appuntano i timori, ovvero le carte di credito. Sarà che i dati più recenti indicano una riduzione degli italiani che utilizzano questa forma di pagamento o che proprio il timore induce a maggiore attenzione, ma il dato è questo.

Una nota dolente si registra anche sui rimborsi. Il 59% degli intervistati spiega di non essere riuscito a tornare in possesso delle somme sottratte ai loro conti. Non è però neanche bassissimo il 41% di intervistati che invece sono riusciti a riacciuffare il bottino.
Molto significative anche le risposte sulle modalità seguite dai cittadini per porre rimedio alla truffa subita. La strada più seguita è stata quella del ricorso al giudice, nel 60% dei casi, mentre nel 35 ci si è rivolti direttamente all'intermediario. Solo il 2% ha fatto ricorso a un organismo di mediazione e l'uno per cento all'arbitro bancario finanziario.

Le risposte al questionario la dicono lunga anche sul fatto che il pericolo di essere "pescati" dai truffatori è rivolto soprattutto alla rete. Il 49% teme di subire truffe proprio per i pagamenti on line, mentre per i pagamenti via pos solo l'8%. Il 29% invece ha paura sempre. Non è sbagliato, visto che anche ad affidare la carta al cameriere del ristorante o del negozio può presentare i propri rischi.

Più curiosa è invece la risposta data sulla conoscenza dei diversi pericoli che la rete riserva. Se era scontato che quasi tutti (98%) conoscessero i termini virus e spam, il fatto che phishing fosse noto solo all'1% degli intervistati meraviglia certamente di più. Anche se dalle risposte precedenti, al di là della conoscenza o meno del termine, è presente ai risparmiatori italiani, viste anche le risposte date agli altri quesiti del questionario proposto.

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi

Cerca Mutui

Richiedi on line il tuo mutuo e risparmia

powered by: mutui online

Cerca Prestiti

Richiedi on line il tuo prestito e risparmia

powered by: