Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 14 luglio 2013 alle ore 19:06.

My24
(Olycom)(Olycom)

Alcuni operatori di mercato professionisti hanno già deciso: meglio espatriare subito, prima dell'entrata in vigore della Tobin Tax europea. Dove? In quei Paesi dell'Unione europea che non saranno colpiti dalla tassa, permettono con facilità il cambio residenza e l'apertura di un'attività e hanno possibilmente un regime di tassazione agevole. Insomma, in Paesi come Malta, entrato a gennaio 2008 nella Ue e diventato una delle mete preferite degli italiani.

«Qualche mese fa ho chiesto la residenza maltese e sono andato a vivere nella città di Attard. Aprirò una società, che sarà operativa a settembre, assieme a un altro professionista e a un noto sito web che si occupa di finanza, e offriremo servizi di consulenza sui mercati. L'azienda avrà sede a Malta, ma stiamo ancora decidendo se sarà di diritto maltese, inglese o lussemburghese», spiega a Plus24 Biagio Milano, trader indipendente, tra i fondatori dell'Ifmadvisor, l'associazione di operatori e consulenti indipendenti che si era battuta per modificare la Tobin Tax all'italiana.

Sono due i motivi che spingono i trader a lasciare l'Italia: la futura introduzione della Ftt europea, nel caso in cui fosse applicato il principio di residenza (se si è residenti in Italia, dove è attiva la Tobin, si paga la tassa su ogni strumento finanziario, anche ad esempio inglese) e la fiscalità eccessiva presente nel nostro Paese. «Sono molte le persone che seguono le nostre indicazioni per investire sui mercati: prima di aprire l'attività abbiamo fatto un questionario per capire le esigenze dei nostri clienti e ci hanno risposto ben 570 persone, la maggior parte delle quali affermano di aver perso il lavoro e utilizzano il trading come unica fonte di reddito. La Tobin Tax li penalizzerebbe in maniera eccessiva», sottolinea Milano.

Malta non è un paradiso fiscale, spiegano dalla Camera di Commercio dell'isola-Stato. Gli utili derivanti dalle società maltesi sono soggetti a un'aliquota di tassazione del 35% ma, nel caso di distribuzione di dividendi, gli azionisti possono chiedere un rimborso fino ai 6/7 dell'imposta totale corrisposta. È facile anche ottenere la residenza: basta dimostrare l'autosufficienza economica, essere assunto da un'azienda, aprire un conto di deposito o un'attività.

I Maltesi sono però preoccupati, vista l'eccessiva presenza di stranieri, soprattutto italiani, nel Paese: «L'esodo c'è ed è in corso, ma il sistema maltese non è preparato e rischia il collasso. I sintomi ci sono tutti», dicono da Malta. Al momento, spiegano dall'Ambasciata d'Italia alla Valletta, gli italiani sono circa 2 mila su un totale di circa 415mila abitanti, mentre a fine 2012 gli iscritti all'anagrafe erano 1.971, secondo l'annuario statistico del Ministero degli esteri. (Li. Z.)

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi

Cerca Mutui

Richiedi on line il tuo mutuo e risparmia

powered by: mutui online

Cerca Prestiti

Richiedi on line il tuo prestito e risparmia

powered by: