Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 04 settembre 2014 alle ore 13:50.
L'ultima modifica è del 05 settembre 2014 alle ore 08:18.

My24
Mario Draghi (Epa)Mario Draghi (Epa)

La Banca centrale europea ha spiazzato i mercati tagliando i tre tassi che "controlla", per contrastare la deflazione. Nel dettaglio, ha tagliato il tasso di riferimento, il tasso sui depositi e il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginali, tutti ridotti di 10 punti base. Il principale tasso di rifinanziamento passerà dallo 0,15 per cento allo 0,05. Il tasso sulle operazioni di rifinanziamento marginali dallo 0,40 allo 0,30 per cento. Infine il tasso sui depositi che la Bce custodisce per conto delle banche commerciali, che era già negativo, passerà dal meno 0,10 per cento al meno 0,20 per cento.

Draghi ha anche detto che la Bce non taglierà i tassi di interesse al di sotto dell'attuale 0,05%. «Ora siamo al limite piu' basso, arrivati al quale non sono piu' possibili aggiustamenti tecnici».

La decisione di abbassare i tassi di interesse nell'area euro «non è stata unanime», ha rilevato il governatore Mario Draghi al termine del consiglio.

I livelli stabiliti oggi, che entreranno in vigore dal 10 settembre, sono i nuovi minimi storici per tutti i principali tassi ufficiali dell'area euro. La decisione della Bce coglie in parte di sorpresa in mercati, tanto che l'euro ha segnato un repentino ripiegamento sotto quota 1,30 dollari, con molti analisti che prevedevano che avrebbe mantenuto lo status quo.

Tuttavia la mossa fa seguito a segnali precisi che il presidente Mario Draghi aveva lanciato durante il suo intervento a un simposio negli Stati Uniti ad agosto, a Jackson Hole.
Riferendosi al generale indebolimento dell'inflazione e al problematico calo anche delle delle generali attese di inflazione, il presidente aveva avvertito avvertito che «il Consiglio direttivo prenderà atto di questi sviluppi e, nell'ambito del suo mandato, userà tutti gli strumenti disponibili necessari a garantire la stabilità dei prezzi».

Un messaggio che i mercati avevano interpretato come il preannuncio di ulteriori ammorbidimenti. Una quota minoritaria di esperti aveva pronosticato il nuovo taglio. E anche tra coloro che non si attendevano manovre sui tassi questa ipotesi non era esclusa, ma veniva giudicata come un provvedimento «cosmetico» dato che ormai su questo versante i margini di manovra erano già esigui.

Abs
Draghi ha anche annunciato un piano per l'acquisto di titoli Abs (Asset backed securities) da ottobre. «Solo titoli semplici e trasparenti», da cui prevede un "impatto decisivo" sul suo bilancio e cioè sulla posizione complessiva della politica monetaria. Lo ha detto il presidente della Bce. Anche se il governatore ha detto che «è molto difficile a questo punto valutare volume nuovi piani».

Nuove previsioni su inflazione nell'Eurozona
Dalla Bce arrivano anche le previsioni sull'inflazione che dovrebbe risalire all'1,4% (dall'attuale 0,3% nell'Eurozona) nel 2016. Per il 2014 le stime si attestano allo 0,6%, molto lontane dal target del 2%. Draghi ha confermato che «l'inflazione sarà bassa per un periodo prolungato». Ridotto invece allo 0,9% le previsioni di crescita nel 2014.

Riforme strutturali
Le riforme strutturali «a questo punto devono chiaramente prendere slancio», ha detto Draghi, in un richiamo ai governi a fare la loro parte per la crescita.

Quantitative easing
A proposto del quantitative easing (che nella formula completa comprende anche l'acquisto di titoli di Stato oltre a titoli privati come gli Abs) Draghi ha indicato che «è stato discusso. Alcuni governatori avrebbero voluto fare di più, altri meno».

twitter.com/vitolops

LA REAZIONE DEI MERCATI

Commenta la notizia

Listino azionario italia

Principali Indici

Shopping24

Dai nostri archivi