Finanza & Mercati

Tlc, nozze tra Wind e 3 Italia. Fusione da 6,4 mld per il nuovo…

L’ANNUNCIO DI VIMPELCOM

Tlc, nozze tra Wind e 3 Italia. Fusione da 6,4 mld per il nuovo leader del mercato mobile

Accordo raggiunto per la fusione alla pari tra Wind e 3 Italia che darà vita al primo operatore italiano della telefonia mobile. Lo ha annunciato Jean-Yves Charlier, amministratore delegato della russa Vimpelcom, controllante di Wind, nel corso della conference call con gli analisti sui conti del primo semestre. Maximo Ibarra, attuale ceo di Wind, sarà l’amministratore delegato della nuova società. Wind è attualmente il terzo operatore italiano, 3 Italia il quarto. Con questa fusione i maggiori player della telefonia mobile si riducono così da quattro a tre: Wind-3 Italia, Telecom Italia e Vodafone.

L'accordo è stato firmato da Hutchison, società di Hong Kong che controlla l’operatore mobile italiano 3 Italia, e VimpelCom, che controlla Wind. Con oltre 31 milioni di clienti mobili e 2,8 milioni nel fisso (di cui 2,2 milioni broadband), dall'integrazione - sottolinea una nota congiunta di Hutchison e di Vimpelcom - ci si attende di realizzare efficienze per un valore attuale di oltre 5 miliardi di euro al netto dei costi di integrazione. I ricavi complessivi delle due società nel 2014 ammontavano a 6,4 miliardi di euro. Il deal rappresenta una delle più grandi operazioni di M&A in Italia dal 2007.

Le nuove quote di mercato mobile
Il nuovo operatore vanta la maggiore quota di mercato (dati AgCom di luglio 2015 aggiornati a marzo) nel mobile con il 33,5% contro il 32,3 di Telecom Italia. Vodafone scende al terzo posto con il 27 per cento. Primato anche nelle prepagate, con il 34,9%, contro il 29,1% di Telecom e il 27,7% di Vodafone, mentre nelle sim in abbonamento il numero uno resta saldamente Telecom Italia (45,1% contro 28,4%, Vodafone segue a 24,4%).

No aumento di capitale
A dispetto delle previsioni della vigilia, non è previsto alcun aumento di capitale nella nuova società. Secondo fonti vicine alle parti la neonata entità sarà valutata poco meno di 22 miliardi di euro, con Wind che contribuirà per 14 miliardi e Hutchison per circa 8 miliardi. «Attraverso l'integrazione delle loro attività, 3 Italia e Wind acquisiranno la dimensione e l'efficienza necessarie per continuare ad offrire servizi di Tlc innovativi a prezzi competitivi e per competere in modo ancora più incisivo sul mercato italiano», sottolineano i due gruppi. La joint venture holding company (Hutchison 3G Italy Investments S.a.r.l (la «JV Holdco») sarà proprietaria di 3 Italia e Wind, mentre CK Hutchison e VimpelCom controlleranno indirettamente il 50% delle azioni della jv. A conclusione dell'operazione non vi sarà alcun obbligo per nessuna delle due società controllanti di contribuire con ulteriori fondi.

La governance
Il chairman del cda sarà nominato alternativamente dalle due società ogni 18 mesi ed il suo voto sarà determinante su alcune questioni fondamentali di business. Vincenzo Novari, attuale Ceo di 3 Italia, ad operazione completata, sarà nominato senior adviser di CK Hutchison per l'Italia e sarà inoltre membro del cda della jv per CK Hutchison. Dina Ravera, attuale Coo di 3 Italia, guiderà il processo di integrazione e assumerà un ruolo rilevante nel top management della jv. Stefano Invernizzi, attuale Cfo di 3 Italia, diventerà Cfo della nuova azienda. Il completamento dell'operazione, soggetto all'approvazione degli organi regolamentari, compreso l'Antitrust europeo, dovrebbe concludersi entro 12 mesi.

Cosa cambia per i consumatori
Il matrimonio tra Wind e 3 Italia «è destinato a cambiare lo scenario delle telecomunicazioni, andando a costituire il primo operatore italiano sul mercato delle prepagate e il secondo sul settore degli abbonamenti». Ne è convinto Carlo Alberto Carnevale Maffè, docente di Strategia Aziendale all'Università Bocconi, che commenta positivamente l'annuncio delle nozze tra le due società di tlc. «Grazie anche alla presenza degli operatori virtuali, il rischio di una riduzione della pressione competitiva sul mercato retail - spiega l'economista - sembra compensato dai benefici derivanti dalla razionalizzazione delle infrastrutture di rete, oltre ai sistemi operativi e distributivi. Ciò potrà liberare capitale per l'auspicato aumento degli investimenti, necessari al passaggio allo standard LTE e al nuovo, grande mercato dell'Internet of Things».

«In termini di benefici per i consumatori, infatti, il settore ha già dato uno straordinario, e talvolta perfino irrazionale, contributo competitivo misurato con la riduzione dei prezzi» afferma Carnevale Maffè, sottolineando che «i servizi di telefonia hanno visto una riduzione di prezzi più elevata che in ogni altro settore: in dieci anni (2004-2014) sono diminuiti del 15,8%, a fronte per esempio di tariffe elettriche cresciute del 48,2%, più del doppio di un'inflazione pari al 20,5%».

A suo giudizio, «l'unico perdente sarà probabilmente l'erario, che dovrà imparare a moderare il proprio taglieggiamento fiscale al settore, al quale ha imposto quantità controproducenti di oneri diretti e indiretti per la realizzazione delle infrastrutture di rete, in particolare sotto forma di imposte anticipate, per quanto definite col termine politicamente corretto di “licenze” per le frequenze». Le stesse, aggiunge, «che invece, sono state molto più generosamente concesse per il settore televisivo».

Unione consumatori: posizione dominante
Secondo Massimiliano Dona, segretario dell'Unione Nazionale Consumatori, l’operazione Wind-3Italia «riduce il numero degli operatori in competizione e restringe, di conseguenza, la concorrenza. Per questo chiediamo sia all'Antitrust italiano che a quello europeo di verificare se queste nozze determinano la costituzione di una posizione dominante, restrittiva del mercato ed, in tal caso, di bloccare l'operazione o di autorizzarla ponendo condizioni a tutela dei consumatori».

© Riproduzione riservata