Finanza & Mercati

Italmobiliare, le risparmio festeggiano il dividendo straordinario più…

  • Abbonati
  • Accedi
cemento

Italmobiliare, le risparmio festeggiano il dividendo straordinario più alto

Carlo Pesenti, consigliere delegato di Italmobiliare
Carlo Pesenti, consigliere delegato di Italmobiliare
Andamento titoli
Vedi altro

Balzano in Borsa le azioni Italmobiliare rnc, sui massimi dall'11 novembre 2015, dopo l'annuncio di un dividendo straordinario più alto deciso ieri dal consiglio di amministrazione. In rialzo anche leItalmobiliare ordinarie, invariata Italcementi. Il consiglio della holding controllata dalla famiglia Pesenti ha deciso ieri di aumentare da 5,62 euro a 8 euro il dividendo privilegiato straordinario in denaro da distribuire agli azionisti di risparmio con la contestuale conversione obbligatoria delle azioni di risparmio in ordinarie. La proposta del consiglio che verrà fatta nell'assemblea speciale del 4 agosto prevede quindi la distribuzione di un dividendo in denaro di 80 euro ogni gruppo di 10 azioni risparmio e l'assegnazione di 3 azioni ordinarie HeidelbergCement Ag per ogni gruppo di 10 azioni di risparmio.

Inoltre, è prevista la contestuale conversione dei titoli risparmio in ordinarie secondo un rapporto di 1 azione ordinaria ogni 10 azioni risparmio. Sulla base dei prezzi dei titoli coinvolti nell'operazione, registrati al 30 giugno 2016, al controvalore in denaro e in natura complessivamente riconosciuto alle azioni risparmio corrisponde un premio rispettivamente del 25,09% e del 27,67% rispetto al prezzo ufficiale delle risparmio. La conversione delle risparmio era stata annunciata a sorpresa a inizio luglio in concomitanza del closing dell'operazione HeidelbergCement, che ha portato Italcementi in mani tedesche.

La semplificazione della struttura del capitale, secondo la società, «permetterà una maggiore liquidità del titolo in Borsa e una conseguente riduzione del Nav discount». In occasione dell'annuncio gli analisti di Equita sottolineavano che dopo la conversione il cash residuo di Italmobiliare scende a 600 milioni, di cui 100 circa destinati a Clessidra. «Ipotizzando che venga mantenuto un net cash di 100 milioni come in passato la capacità di investimento residua è di 400 milioni». Il peso di Heildelberg sul Nav scende inoltre al 26% dal 39%, «secondo asset dopo il cash (45%)».

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata