Finanza & Mercati

Netflix, utenti e ricavi sopra le attese. Titolo in rialzo fino al…

i conti del gruppo

Netflix, utenti e ricavi sopra le attese. Titolo in rialzo fino al 20%

Buone notizie per Netflix dopo le indecisioni degli ultimi periodi. Nel terzo trimestre dell'anno gli utenti del colosso dello streaming sono cresciuti più delle attese, con gli utili e i ricavi che hanno battuto il consensus. Questo ha fatto volare in borsa il titolo del gruppo, con un rialzo fino al 20%. Nel terzo trimestre dell'anno il colosso dello streaming ha infatti messo a segno conti sopra le stime, battendo anche le previsioni degli analisti sul numero di abbonati, dopo che da mesi continuavano ad aumentare a passo lentissimo.

Nel dettaglio nei tre mesi che si sono chiusi lo scorso 30 settembre, Netflix ha registrato utili per 51,5 milioni di dollari (12 centesimi ad azione), in rialzo dai 40,75 milioni di dollari (9 centesimi ad azione), dello stesso periodo del 2015. Gli analisti invece si aspettavano 6 centesimi ad azione. Sul fronte dei ricavi, Netflix ha toccato 2,29 miliardi di dollari, contro 2,1 miliardi dello stesso periodo dell'anno precedente. Il consensus era fissato a 2,28 miliardi di dollari. Ma a dare la maggior spinta al gruppo sono i dati sulla crescita degli utenti: ha aggiunto 3,57 milioni di nuovi abbonati, contro un obiettivo aziendale fermo a 2,3 milioni di persone. Un risultato molto buono soprattutto dopo che lo scorso trimestre la societa' californiana aveva messo a segno la crescita più debole degli ultime due anni.

Negli Stati Uniti Netflix è cresciuto di 370.000 utenti, contro attese di 300.000: un dato che sottolinea come in realtà in America il mercato sia ancora molto rallentato, visto che nello stesso periodo di un anno fa aveva raggiunto 880.000 utenti. Nel mondo invece il gruppo ha aggiunto 3,2 milioni di utenti, contro stime di 2 milioni, chiudendo il trimestre con 83,3 milioni di utenti paganti e 91,9 milioni di iscritti. Tra i punti di forza ci sono oltre 600 ore di programmi originali prodotti nel 2016 e la promessa di iniziare a vendere le licenze per i suoi programmi in Cina. I conti del gruppo sono stati pubblicati a mercati chiusi e hanno dato una spinta in alto al titolo che dall'inizio dell'anno a Wall Street ha ceduto il 13%. Le azioni nel dopo mercato hanno messo a segno rialzi fino al 20%. Ieri Netflix ha invece chiuso le contrattazioni con un ribasso dell'1,65% a quota 99,80 dollari ad azione.

© Riproduzione riservata