Finanza & Mercati

Fondo immobiliare Poste: «A breve misure di tutela per i clienti»

SIRACUSANO (BANCO POSTA) A RADIO 24

Fondo immobiliare Poste: «A breve misure di tutela per i clienti»

Andamento titoli
Vedi altro

Il gruppo Poste Italiane«nei prossimi giorni, dopo alcuni passaggi autorizzativi interni, si incontrerà con le associazioni dei consumatori per valutare iniziative di tutela dei propri clienti» che hanno sottoscritto quote del fondo immibliare Irs (oltre 20mila), collocato negli scorsi anni dal gruppo e da diverse banche, il quale ha registrato forti minusvalenze.

Lo afferma, intervenendo a 'Cuore e Denari' su Radio24, il direttore di Banco Poste Marco Siracusano ricordando come nel 2003, anno di collocamento del fondo, questo ha rappresentato appena lo 0,2% della raccolta totale del gruppo.

«Non vogliamo comunque sottrarci al nostro ruolo» benché «noi siamo stati solo collocatori mentre la gestione è di una Sgr terza, senza conflitti di interesse con noi» ha aggiunto Siracusano spiegando come il fenomeno «era da tempo da noi strettamente monitorato».

«Stiamo studiando tutte le possibili soluzioni” ha detto per i clienti che all'epoca hanno sottoscritto il fondo. «Per noi - ha concluso - era una piccola parte della nostra offerta alla clientela che oramai non è composta solo da pensionati ma è paragonabile a quella delle altre banche».

Come era già successo con altri fondi immobiliari via via che sono giunti in questi ultimi anni a scadenza, i gestori hanno dato un taglio netto alle valorizzazioni degli immobili solo con la scadenza ormai alle porte per incassare fino all’ultimo maggiori commissioni. In 13 anni il fondo Irs ha offerto un rendimento negativo di circa il 3% annuo ai sottoscrittori della prima ora, garantendo cospicui incassi (intorno al 4,7% annuo) alla società di gestione e alle altre realtà che ruotano intorno al business dei fondi immobiliari, collocatori compresi.

Consapevoli del danno reputazionale a cui va incontro, Poste Italianeha manifestato la volontà di garantire un ristoro per i sottoscrittori di Irs, ma anche di altri fondi immobiliari da loro collocati tra il 2000 e 2005 se giungeranno a scadenza con pessime performance. Il problema principale si intravvede per i 22mila clienti che hanno comprato quote di Obelisco, la cui scadenza è prevista per fine 2018.

© Riproduzione riservata