Finanza & Mercati

Draghi: per uscire da euro bisogna chiudere saldi Target 2. Italia ha…

RISPOSTA A INTERROGAZIONE M5S

Draghi: per uscire da euro bisogna chiudere saldi Target 2. Italia ha un passivo di 359 miliardi

Reuters
Reuters

«Se un Paese lasciasse l'Eurosistema, i crediti e le passività della sua Banca centrale nazionale nei confronti della Bce dovrebbero essere regolati integralmente». Lo scrive il presidente della Bce, Mario Draghi, in una lettera di risposta, diffusa venerdì sera, all'interrogazione presentata dagli europarlamentari Marco Valli e Marco Zanni (Movimento Cinque Stelle).

L’Italia accusa nel sistema di pagamenti Target2 un saldo negativo di 358,6 miliardi, secondo i dati più recenti (novembre 2016). Nella missiva, Draghi ricorda di avere già precisato a fine novembre che «il recente incremento dei saldi Target2 riflette in prevalenza i flussi di liquidità derivanti dal Programma di acquisto di attività» (Paa), e cioè il Qe varato dalla Bce per risollevare l'inflazione e contrastare i rischi di deflazione. In aggiunta, si legge ancora nella lettera, i saldi Target2 «sono rimasti elevati poiché la liquidità creata dal nostro programma si e' concentrata soprattutto in certi Paesi. Questo fenomeno riflette la struttura finanziaria dell'area dell'euro, in cui le banche con modelli imprenditoriali in grado di attrarre maggiori disponibilità liquide sono in genere situate in pochi centri finanziari».

L'attuale tendenza al rialzo dei saldi, continua Draghi, «è quindi distinta dall'aumento osservato da metà 2007 a fine 2008 e, nuovamente, da metà 2011 a metà 2012». In questi periodi, l'incremento «era riconducibile alle tensioni e alla frammentazione dei mercati dovuti alla crisi finanziaria e del debito sovrano». Il loro attuale incremento, invece, «non è sintomatico di maggiori tensioni ed è quindi intrinsecamente diverso dai precedenti aumenti. Di conseguenza, i saldi Target2 non sono, per loro natura, indicatori di una frammentazione dei mercati, ne' necessariamente di squilibri suscettibili di influire sulle variabili macroeconomiche fondamentali di un Paese». La Bce, conclude Draghi, «continua a seguire attentamente l'evoluzione dei saldi Target2».

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus)

© Riproduzione riservata