Finanza & Mercati

Intesa Sp: l’ad Messina da Putin dopo Rosneft

DOMANI L’INCONTRO

Intesa Sp: l’ad Messina da Putin dopo Rosneft

L’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, domani volerà in Russia per essere ricevuto al Cremlino dal presidente Putin. È quanto si apprende da fonti finanziarie. La visita segue alla partecipazione della banca nel finanziamento per la privatizzazione di Rosneft dove l’istituto ha supportato l’acquisto del 19,5% del colosso russo da parte del fondo sovrano Qia e di Glencore.

Rosneft, con 58 miliardi di euro di capitalizzazione, è la principale blue chip della borsa di Mosca. La privatizzazione ha permesso al governo russo di ridurre il deficit di bilancio mantenendo il controllo del Rosneft con una partecipazione di poco superiore al 50 per cento del capitale.

Vladimir Putin aveva definito la privatizzazione del 19,5% delle azioni della Rosneft «la più grande transazione del 2016 nel mercato mondiale dell'energia».
Putin ha chiesto inoltre al capo della Rosneft Igor Sechin di discutere con il governo e con la banca centrale uno schema per convertire gradualmente «la
significativa somma di denaro» che arriverà dalla vendita del 19,5% delle azioni della Rosneft in modo tale da «evitare fluttuazione nel tasso di cambio».

© Riproduzione riservata